Tecniche dei materiali

Veronica Mirabile, decoro, Collage su carta, 2020.
Veronica Mirabile, decoro, Collage su carta, 2020.
Rita Guarrera, decoro, collage su carta, 2020.
Rita Guarrera, decoro, collage su carta, 2020.
Giacoma Guerrera, decoro, collage su carta, 2020.
Giacoma Guerrera, decoro, collage su carta, 2020.
Freccia destra
Freccia sinistra

Syllabus

—Obiettivi formativi

L’obiettivo del corso è far conoscere agli studenti, in maniera approfondita, gli aspetti teorico-pratici dell’uso dei materiali, utilizzati negli interventi creativi degli spazi urbani, nell’oggettistica, nel design e nei vari campi della decorazione. 
Gli studenti acquisiscono conoscenze e competenze per ideare, sperimentare, pianificare e progettare interventi ad hoc, complessi e innovativi, attraverso la contaminazione dei codici dei linguaggi artistici. 
Obiettivo del corso è, inoltre, guidare gli studenti verso la sperimentazione dell’impiego delle tecniche classiche della decorazione e dell’utilizzo di materiali innovativi nella produzione grafica, pittorica e scultorea affinché acquisiscano competenze creative e innovative nella realizzazione di elaborati artistici per rispondere alle esigenze del mondo dell’arte contemporanea. 

—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali in aula.
I semestre:  11a–15a settimana (lunedì, martedì e mercoledì) ore 08.30-11.50

—Modalità esame

Valutazione degli elaborati:

Elaborato n° 1
Su un cartoncino, la cui misura è di 100 X 70 cm, deve essere tracciato un decoro o altro con un segno forte, deciso e ben delineato come se si trattasse di un bozzetto di vetrata policroma.
Le singole parti tracciate vanno numerate 1-2-3- ecc.
Anziché utilizzare il vetro noi useremo della carta da regalo, giornali, riviste o altro tipo di carta da sagomare con forbici e carta modello (utilizzando attentamente il numero da ritagliare) in base all’esigenza compositiva e poi da incollare sul cartoncino pre-segnato con colla vinavil o, preferibilmente, colla da parati tipo “sichozell”.
Il risultato finale dovrà essere un collage artistico.
Consiglio di osservare attentamente sia le vetrate artistiche antiche, sia le vetrate di  L. C. Tiffany, Lèger, Matisse, Maurice Denis, Chagall, e gli elaborati di Emanuele (Lele) Luzzati.

Elaborato n° 2
Questo esercizio nasce con l’intento di avvicinarsi, scrutando in maniera dettagliata, al variegato mondo dell’arte contemporanea che adopera vari tipi di materiali. Il soggetto preso in esame può essere una decorazione, un intervento pittorico o tridimensionale nello spazio, un’installazione, una perfomance e così via.
Oltre al nome dell’autore si richiedono una documentazione fotografica dell’opera d’arte prescelta e risposte esaurienti alle seguenti domande:
Il lavoro ha un titolo? Il titolo suggerisce dei riferimenti specifici o evoca un’atmosfera? È possibile cogliere che tipo di relazione vi sia tra le indicazioni esplicitate nel titolo e ciò che vediamo?
Con quale mezzo è stato realizzato il lavoro?
Come interagisce l’opera con lo spazio? Quanto spazio occupa e come lo occupa? Il lavoro prevede che lo spettatore occupi una posizione già definita?
Che materiali sono stati utilizzati? Quale è la loro destinazione abituale? Che sensazioni evocano? Possiamo solo guardarli o siamo in condizioni di toccarle, usarli, annusarli, manipolarli?
Quale presenza occupa il colore nel lavoro?
Come interagiscono tra loro le forme sulla superficie? Come sono organizzati gli elementi che compongono il lavoro nello spazio?
Sono presenti immagini, oggetti, materiali, simboli che rimandano ad un contesto culturale specifico? Come sono utilizzati rispetto al significato che viene loro attribuito abitualmente?
L’opera racconta una storia? Com’è costruito il percorso narrativo?
L’opera richiede un tempo per essere vista?
Sono visibili le tracce relative alla fase di progettazione e di ricerca o il processo è considerato concluso?

—Prerequisiti richiesti

Gli studenti devono conoscere i codici dei linguaggi artistici, progettuali e grafici identificando tecniche e tecnologie adeguate.
Gli studenti devono, inoltre, padroneggiare una conoscenza base delle tecniche e dei materiali in relazione ai principi della percezione visiva e della composizione della forma.
Infine, è richiesto un approfondito studio delle recenti evoluzioni e sperimentazioni delle tecniche e delle tecnologie nei diversi ambiti della decorazione.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Contenuti del corso

  1. Tecniche artistiche tipiche della decorazione.
  2. Materiali tecnologici e di recupero utilizzati nel campo artistico. 
  3. Dall’esperienza del Dadaismo ai mandala multicolori di ali di farfalla di Damien Hirst. 
  1. Supporti innovativi come l’Aerolam. 
  2. Collage, Dècollage, Assemblaggio, Stencil, Poster Art, Aerosol Art, Plotterata, Marker, altri nuovi materiali e tecniche. 
  3. Studio sistematico di alcune opere di artisti contemporanei. 

—Testi di riferimento consigliati

Vettese Angela, Si fa con tutto. Il linguaggio dell’arte contemporanea. Laterza, Bari 2010.

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it