Tecniche performative per le arti visive

Frame performance Cosmo e Caos - a.a. 2020-2021

Chiara Toscano
Chiara Toscano

Frame performance She Shed - a.a. 2020-2021

Alessia Arnone
Alessia Arnone

Frame performance Balance - a.a. 2020-2021

Sabrina di Paola
Sabrina di Paola
Freccia destra
Freccia sinistra
Freccia destra
Freccia sinistra

Syllabus

—Obiettivi formativi
Esplorare le potenzialità espressive insite nella performance, in particolare,in rapporto alle arti visive.
Fornire agli studenti un ampio bagaglio teorico-pratico,una piattaforma culturale e metodologica ricca di strumenti fondamentali per lo sviluppo ed il potenziamento delle singole attitudini creative e progettuali.

—Modalità di svolgimento dell’insegnamento
Lezioni frontali; lezioni partecipate, utilizzo di sussidi audiovisivi; verifica in itinere dei risultati.

—Esercitazioni e revisioni
Sono previste esercitazioni intermedie oggetto di valutazione al fine del conseguimento della materia.
L’accesso alle revisioni è libero.
Si precisa che, per specifiche esigenze didattiche, le revisioni verranno effettuate esclusivamente all’interno del corso.
Nella pagina del docente è disponibile il calendario delle revisioni preventivamente redatto.

—Elaborato finale
Per il conseguimento della materia è prevista la realizzazione di un elaborato (performance) da visionare e consegnare (tramite file digitale) contestualmente all’esame.
L’elaborato finale per essere ammesso dovrà necessariamente avere le seguenti caratteristiche:
Attinenza alla materia.
Conformità al tema assegnato.

—Modalità esame
Esame orale sui testi di riferimento obbligatori e i contenuti illustrati a lezione.Il progetto definitivo dovrà consistere nella produzione di una performance che potrà essere presentata dai candidati, secondo necessità, o in presenza, o tramite file digitale (video).
La valutazione comprenderà anche le esercitazioni intermedie e l’elaborato finale dove espressamente richiesti.

—Prerequisiti richiesti
Predisposizione positiva alla disciplina.
Impegno.
Attitudine alla ricerca.
Volontà di esprimersi e comunicare.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria, non inferiore all’80% della totalità della didattica frontale come previsto da palinsesto, con esclusione dello studio individuale come da Art.10 del DPR n. 212 del 8 luglio 2005.

—Contenuti del corso

  1. Definizione di Performance artistica.
  2. Performance come prestazione, come esibizione.
  3. Il ruolo del Performer.
  4. Paralleli con altre Arti.
  5. Rapporto tra l’opera e il pubblico.
  1. L’uso del gesto, dell’azione, della parola.
  2. Il Rapporto tra Arte e Vita.
  3. Piano mentale e piano formale.
  4. Durata della Performance.
  5. L’atteggiamento del corpo.
  6. Contesto della Performance.

*Si precisa che nel caso il presente  corso  dovesse effettuarsi, a causa dell’attuale emergenza, tramite didattica a distanza, la presente programmazione potrà essere sottoposta ad eventuali necessarie  modifiche.
Si precisa inoltre che per esigenze legate alla didattica, ogni singola voce inserita all’interno della presente programmazione è da ritenersi indicativa di argomenti che potranno essere ulteriormente sviluppati e/o  trattati in modo particolareggiato ed esemplificativo sia durante le singole lezioni, sia durante le diverse revisioni previste all’interno del corso, corrispondenti ad intensi momenti didattici, di verifica dell’apprendimento dei contenuti teorico/pratici trattati.
Tutti gli argomenti infine effettivamente svolti verranno dettagliatamente elencati entro la conclusione del corso e confermati (previa presa visione da parte degli allievi che hanno frequentato il corso secondo le norme vigenti).

—Testi di riferimento obbligatori

Chiara Mu e Paolo Martore, Performance Art -Traiettorie ed esperienze internazionali, ed. Castelvecchi, 2018;

—Testi di approfondimento consigliati 

Verranno indicati durante lo svolgimento del corso.

—Altro materiale didattico

Verrà indicato durante lo svolgimento del corso.

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale [email protected]

—Nota di trasparenza
Il seguente Syllabus è l’unico documento a cui gli studenti possono fare riferimento per la fruizione e il conseguimento della disciplina nell’a.a. in oggetto, non saranno pubblicati ne presi in considerazione altri programmi didattici. Le informazioni inserite nel presente documento, con particolare attenzione alle caratteristiche delle esercitazioni intermedie, degli elaborati finali e dei testi di riferimento obbligatori, non potranno essere modificate dopo l’avvio della disciplina in oggetto. Tutto ciò che non è specificatamente descritto in questo Syllabus e/o effettivamente svolto a lezione non potrà essere chiesto in fase di esame.