Modellistica e tecniche della confezione

Syllabus

—Obiettivi formativi

La modellistica è alla base della formazione del Fashion Designer, avere competenze sulle tecniche di costruzione dei modelli in carta e dello sviluppo delle taglie, consente a questa figura professionale di comprendere e progettare capi di abbigliamento finalizzati alla creazione di una collezione. Le varie fasi di creazione dei modelli e lo studio e l’applicazione delle molteplici tecniche di confezione permettono allo studente di poter sviluppare una forte identità di stile anche nei dettagli. Il corso permette allo studente di avvicinarsi progressivamente al mondo della modellistica, introducendolo dapprima ai concetti base, per poi entrare maggiormente nel dettaglio e prevede  la progettazione e la realizzazione del modello, attraverso la costruzione e creazione dei tracciati relativi. Lo studente viene accompagnato passo passo  nella realizzazione dei modelli di difficoltà progressivamente crescente, impiegando un metodo basato sull’Unità Antropometrica, ossia la suddivisione del corpo umano in 8 parti. Una volta chiarito come realizzare il modello a livello sartoriale, viene proposto come intervenire su di esso per renderlo idoneo all’industrializzazione e successiva confezione industriale. Vengono affrontati anche argomenti prettamente produttivi e legati all’attività industriale, come lo sviluppo taglie, secondo differenti metodi (scalare, conformato, calibrato), le attività della sala taglio (ordine, stesura, taglio vero e proprio), la realizzazione di particolari standard (allacciature, colletti, maniche, polsini, ecc.) e i cicli base della confezione industriale. Si darà spazio al tema della vestibilità, introduce la classificazione delle corporature femminili e delle linee di abiti che meglio si adattano loro e verranno analizzate le principali operazioni di sdifettatura dei capi. Progettazione e realizzazione dei modelli base, attraverso la costruzione e creazione dei tracciati, impiegando un metodo basato sull’Unità Antropometrica. Acquisizione delle tecniche sartoriali per la confezione e interventi tecnici per rendere il modello idoneo all’industrializzazione.

—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali in DAD.

—Modalità esame

Per l’accesso all’esame finale gli studenti dovranno aver realizzato dei capi base attraverso la costruzione e creazione dei tracciati con lo sviluppo e realizzazione di cartamodelli trattati nel programma di studio. Stesura di una relazione sul processo tecnico e produttivo della filiera tessile sartoriale e industriale.

—Prerequisiti richiesti

Attitudine e abilità tecnico creative; passione per la moda; spirito di ricerca; attenzione e curiosità; cultura e informazione costante.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria, non inferiore all’80% della totalità della didattica frontale come previsto da palinsesto, con esclusione dello studio individuale come da Art.10 del DPR n. 212 del 8 luglio 2005.

—Contenuti del corso

  1. Elenco dei principali tracciati e modelli
  2. Modelli base dell’abbigliamento
  3. Creazione modello base Gonna e varianti
  4. Creazione modello base Pantalone e varianti
  5. Creazione modello base Camicia e varianti
  6. Creazione modello base Abito e varianti
  7. Creazione modello base Capospalla e varianti
  1. Manica ed elementi complementari
  2. Varianti e trasformazione dei modelli per lo sviluppo industriale
  3. Studio delle vestibilità, sviluppo taglie e sdifettatura capi campione
  4. Cenni di tecnologia tessile  e analisi di modelli già realizzati
  5. Classificazione, impiego delle cuciture e analisi e studio delle finiture e delle applicazioni
  6. Linguaggio tecnico e Glossario dei termini ricorrenti nell’abbigliamento
  7. Realizzazione elaborati

—Testi di riferimento obbligatori
Dispense e materiali forniti dal docente durante le lezioni.

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it