Layout e tecniche di visualizzazione

Syllabus

—Obiettivi formativi

Il corso di Layout e tecniche di visualizzazione affronterà il tema legato alla realizzazione di un portfolio personale, uno strumento professionale che racchiuda il proprio percorso di formazione, le proprie competenze, gli strumenti e i programmi utilizzati.
L’obiettivo del corso è quello di fornire allo studente tutti gli strumenti necessari per la realizzazione di un portfolio digitale/cartaceo attraverso lo studio storico/progettuale degli elementi che costituiscono un artefatto editoriale: i formati, il layout, la gabbia e le griglie d’impaginazione, la tipografia, la composizione del testo e la disposizione delle immagini.
All’interno del corso verranno eseguite delle lezioni mirate dei software Adobe Indesign e Adobe Photoshop, attraverso una panoramica generale dell’interfaccia e degli strumenti utili per il progetto finale, con esercitazioni annesse per approfondire gli argomenti trattati.

In seguito verranno eseguite delle esercitazioni sulla progettazione di un folio di lavoro, in grado di restituire una visione d’insieme, un’anteprima del progetto utile per comunicare concetti e dare informazioni utili difficilmente esprimibili a parole.
Lo studente avrà alla fine del corso le conoscenze necessarie per poter progettare un buon portfolio capace di comunicare le competenze acquisite attraverso i propri lavori.

—Modalità di svolgimento dell’insegnamento
Didattica in presenza
Lezioni frontali in aula.

I semestre: 2a–7a settimana giovedì e venerdì ore 08.45-13.15 | scansione giornaliera (6 ore)
9a settimana giovedì e venerdì ore 14.00-18.00 | scansione giornaliera (6 ore)


—Esercitazioni e revisioni

Sono previste esercitazioni intermedie oggetto di valutazione al fine del conseguimento della materia.


L’accesso alle revisioni è su prenotazione via modulo Riunione sul canale Teams.
Nella pagina del docente è disponibile il calendario di massima delle revisioni preventivamente redatto.


—Elaborato finale
Per il conseguimento della materia è prevista la realizzazione di una monografia (su un designer a scelta) e un portfolio (su un progetto personale) da inviare via PEO contestualmente all’esame.
_
L’elaborato finale per essere ammesso dovrà necessariamente avere le seguenti caratteristiche:
1. Consegna esercitazioni pratiche svolte in aula e a casa.
2. Elaborato monografico di 16 pagine su un designer a scelta (stampato)
3. Portfolio di 16 pagine su un progetto a scelta dello studente (stampato e/o digitale)

—Modalità esame

Esame orale sui testi di riferimento obbligatori e i contenuti illustrati a lezione.
La valutazione comprenderà anche le esercitazioni intermedie e l’elaborato finale dove espressamente richiesti.


—Prerequisiti richiesti

Software Adobe InDesign, Adobe Photoshop

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Contenuti del corso

  1. Presentazione del corso di Layout e tecniche di visualizzazione.
  2. 1. Il Layout e la gerarchia dei contenuti;
    2. Monografia
    Iter progettuale
  3. I formati, le griglie
     ISO, digitali e editoriali
  4. I formati e le griglie.
    Esercitazione pratica
  5. Composizione del testo e tipografia.
  6. La tipografia.
    Esercitazione pratica
  7. Adobe InDesign® 2022.
    Panoramica software [prima parte]
  8. Adobe InDesign® 2022 [seconda parte]
    Adobe Photoshop® 2022.
    Trattamento delle immagini
  9. Testo e immagini.
    Esercitazione pratica
  1. Il Portfolio.
    Come progettare un portfolio digitale o cartaceo
  2. Laboratorio tesi.
    Esercitazione pratica [prima parte]
  3. Laboratorio tesi.
    Esercitazione pratica [seconda parte]
  4. Basic design
    Influenzamento dell’ordine di lettura / Nero come colore / Antiprimadonna
    Esercitazione pratica
  5. Laboratorio

—Testi di riferimento obbligatori

Gavin Ambrose, Paul Harris, Il libro del layout. Storia, principi, applicazioni, Zanichelli, 2016.
Amy Graver, Ben Jura, Gli strumenti della grafica: griglie e layout. Come strutturare un impaginato, Logos, 2013.
Gianni Latino, Graphic design. Guida alla progettazione grafica, LetteraVentidue, 2013.

—Letture a scelta

John Maeda, Le leggi della semplicità, Bruno Mondadori, 2006.
Paul Rand, Pensieri sul design, Postmedia Books, 2016.
Bruno Munari, Artista e designer, Laterza, 2017.

—Testi di approfondimento consigliati

Gavin Ambrose, Paul Harris, Il Manuale del Graphic design. Progettazione e Produzione, II edizione, Zanichelli, 2017.
Ellen Lupton, Caratteri, testo, gabbia. Guida critica alla progettazione grafica, Zanichelli, 2010.
Fig Taylor, Come creare un portfolio e trovare lavoro. Guida per grafici e illustratori, Logos, 2013.

—Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale [email protected]

Nota di trasparenza

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e Il seguente Syllabus è l’unico documento a cui gli studenti possono fare riferimento per la fruizione e il conseguimento della disciplina nell’a.a. in oggetto, non saranno pubblicati ne presi in considerazione altri programmi didattici. Le informazioni inserite nel presente documento, con particolare attenzione alle caratteristiche delle esercitazioni intermedie, degli elaborati finali e dei testi di riferimento obbligatori, non potranno essere modificate dopo l’avvio della disciplina in oggetto. Tutto ciò che non è specificatamente descritto in questo Syllabus e/o effettivamente svolto a lezione non potrà essere chiesto in fase di esame.