Elementi di morfologia e dinamiche della forma

Syllabus

—Obiettivi formativi

L’Anatomia Artistica è una disciplina molto antica che ha subito numerose trasformazioni e mutamenti in relazione alla visione del corpo nel contesto sociale e artistico di ogni epoca.

Oggi il corpo, nell’arte come nella vita, ha assunto una posizione positivistica, rispetto ad un’unica concezione del corpo oggettivato dalla scienza; per cui non solo Korper (corpo fisico, organico, meccanico) ma anche e soprattutto Leib (corpo vissuto, sperimentato dall’esistenza): l’Anatomia Artistica diventa allora la materia del corpo esperito soggettivamente nell’arte.

Considerando la rivalutazione che il corpo ha nel pensiero contemporaneo si ritiene necessaria una breve ricostruzione del senso del corpo vissuto e pensato nelle diverse epoche culturali, che sta alla base della moderna rappresentazione fisica e metaforica del corpo.

Gli elementi della morfologia del corpo e le dinamiche della sua forma sono i soggetti di un laboratorio di ricerca su cui tutti gli studenti insieme al docente sono stimolati a confrontarsi.

Ritengo quindi l’Anatomia Artistica materia fondamentale per gli studenti dell’Accademia di Belle Arti in quanto possibile luogo della ricerca personale ed individuale di ognuno di essi.

Lo studente deve essere messo nella condizione di potere condurre una ricerca che nasca dalla propria sensibilità e intelligenza. Il corpo sarà quindi soggetto, modello, riferimento ispiratore o addirittura supporto di un lavoro realizzato con qualunque mezzo, dal disegno alla pittura, dalla fotografia al video etc. In questo senso il corso propone anziché affermare o semplicemente “citare”, opportunità questa che ha l’intento di creare un rapporto di circolarità entro il quale ritrovarsi e confrontarsi .

—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali in aula.
II semestre:  1a–8a settimana (lunedi, martedi, mercoledi) 14.30 – 17.50

—Modalità esame

L’esame è considerato come l’ultima parte di un percorso e consiste nella presentazione di un progetto svolto e di una parte orale sulle lezioni svolte durante l’anno

—Prerequisiti richiesti

Nessuno

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Contenuti del corso

  1. LA RAPPRESENTAZIONE DEL CORPO NELLA STORIA DELL’ARTE.
  2. L’EVOLUZIONE DELL’AUTORITRATTO.
  3. ARTE E ARTISTI: COSA VUOL DIRE ESSERE ARTISTI?
  4. CORPO E IBRIDAZIONE
  5. CORPO NELLE ARTI VISIVE E CONTAMINAZIONI NEL TEATRO, NELLA DANZA, NEL CINEMA.
  6. LA PELLE.
  1. ARTE, ARTISTE, DONNE E VIOLENZA.
  2. IL PERTURBANTE
  3. UMANITA’ E MIGRAZIONI.
  4. IL CORPO COME SOGGETTO.
  5. CORPO E COMUNICAZIONE.
  6. IL CORPO OGGETTIVATO DALLA SCIENZA.
  7. ESSERE O AVERE UN CORPO?

—Testi di riferimento obbligatori

Il corpo umano anatomia e significati simbolici, Dizionari dell’arte, Electa;

Fonio, Apollo e la sua ombra, CostaeNolan;

Caroli, Astoria della fisiognomica, Leonardo ed;

Morris, L’animale donna, Oscar Mondadori;

Morris, Il nostro corpo, Mondadori, (fuori catalogo);

Morris, La scimmia artistica, Rizzoli;

Jung, L’uomo e i suoi simboli, Cortina;

Le Goff, Il corpo nel medioevo, Laterza;

Morris, L’uomo e i suoi gesti, Mondadori (fuori catalogo);

Malaguti, Le mie cose mestruazioni: storia, tecnica, linguaggio e musica, Bruno Mondadori;

Merleau Ponty, Fenomenologia della percezione, Il saggiator;

Zanardo, Il corpo delle donne, Feltrinelli;

Valery, Degas danza disegno, Feltrinelli;

Vergine, Body art e storie simili, Skira;

Fam, Nessun tempo nessun corpo, Skira;

Fam, Virus art, Skira;

Caronia, Il cyborg, Shake ed;

Capucci, Il corpo tecnologico, Baskerville Bo;

P.Dick, Mutazioni: scritti inediti, filosofici, autobiografici, Feltrinelli;

Bazzocchi, Corpi che parlano, Bruno Mondadori;

Galimberti, Il corpo, Feltrinelli;

Yehya, Homo cyborg, Eleuthera; (fuori catalogo);

Briganti, Corpo, tecnologie e disabilità, ed. Manna;
a cura di Monti, Che cosa vuol dire morire, Einaudi;

Moriggi/Nicoletti, Perché la tecnologia ci rende umani, Sironi editoreo’reilly;

Il corpo nell’arte contemporanea, Piccola biblioteca Einaudi;

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it