Videoscultura

Syllabus

—Obiettivi formativi

La Videoscultura è una delle forme espressive della Videoarte prodotta negli anni ’80.

Nella storia dell’arte, la videoscultura segna un capitolo particolare, perché rispetto alla pittura, che distribuisce le luci e le ombre a propria discrezione attraverso l’utilizzo del colore e rispetto alla scultura che fa maggiormente i conti con la luce naturale, dove le superfici levigate sono più luminose e gli incavi, le superfici scabrose e le trapanature creano più ombra, nel caso della videoscultura, “non si modella più la struttura in funzione della luce ma si modula la luce in funzione della struttura. Ovvero, non è più la forma dell’opera a stabilire e mediare con la luce il suo aspetto finale ma è la luce sprigionata per conto proprio aconfigurare l’epifania dell’opera” (Alessandro Paolo Lombardo).

—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali in aula.
I semestre:  11a–15a settimana (lunedì, martedì, mercoledì) ore 08. 30-11.50

—Modalità esame

Si invitano gli studenti a sviluppare un elaborato video, con l’utilizzo di oggetti di uso quotidiano, estrapolati dal loro contesto, per essere utilizzati in maniera del tutto sperimentale. Maggiore sensibilità sarà posta nello studio della luce e delle ombre, provocando un gioco dinamico di riflessi mediante il movimento dell’oggetto utilizzato. Esse negano l’immagine ed esaltano l’armonia, sezionano il corpo dell’oggetto, trasferiscono la densità e l’ ambiguità del corpo, che è consistenza e simulacro, nella luminosità e oscurità delle nuove immagini sviluppate. L’elaborato finale, della durata di tre minuti, in bianco e nero, accompagnati da un suono/rumore, sarà il risultato di una ricerca personale dove evince la sensibilità dello studente.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Testi di riferimento consigliati

S. Bordini, Arte contemporanea e tecniche. Materiali, procedimenti, sperimentazioni, Roma, 2007;

Fausto Tomei, Arte interattiva teoria e artisti, Pendragon;

La coscienza luccicante dalla videoarte all’arte interattiva, Gangemi Editore;

Remo Bodei, La vita delle cose, Editori Laterza;

Walter Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica arte e società di massa, Einaudi;

— Riferimenti Artistici

Bill Viola; Christian Marclay; Vito Acconci; Stefano Cagol; Chris Cunningham; Gary Hill; Pierre Huyghe; Lennie Lee; Anthony McCall; Bruce Nauman; Tony Oursler; Nam June Paik; Pipilotti Rist; Bill Viola; Mustafa Sabbagh; Luca Rento; Wolf Vostell; Fabrizio Plessi; Domenico Franchi; Victor López González.

—Video di riferimento consigliati

https://www.youtube.com/watch?v=licQZBwn7ys;

Bill Viola – Acceptance, 2008;

https://www.youtube.com/watch?v=UJQmV8aPNao;

Nam June Paik – Electronic Moon #2;

https://www.youtube.com/watch?v=3Kr4CoU3G04;

https://www.youtube.com/watch?v=RkjxG_k0VDo;

Wolf Vostell – Sun in your head ( song by Rogermultiuse )
https://www.youtube.com/watch?v=jmkAMy_hgr8;

Marcel Duchamp – Anemic Cinema
https://www.youtube.com/watch?v=dXINTf8kXCc;

Man Ray. Le Retour A La Raison (The Return to Reason), 1923 https://www.youtube.com/watch?v=zwLD5WWQptw;

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it