Tecniche di montaggio

Syllabus

—Obiettivi formativi

Obiettivo del corso è fornire gli elementi grammaticali e sintattici del linguaggio cinematografico e audiovisivo che sono alla base della tecnica di montaggio audiovisivo. Fornire le basi storiche e teoriche delle varie tecniche di montaggio e collegare le teorie alla sperimentazione e ricerca da cui sono sorte.

ORARIO DI RICEVIMENTO SU MICROSOFT TEAMS giovedì dalle ore 15:00 alle ore 17:00 previa prenotazione PEO

—Modalità di svolgimento dell’insegnamento

Lezioni frontali in aula e DAD
II semestre:  4a–6a– 8a-10a-12a-14a settimana (lunedì, martedì, mercoledì) ore 14:00-17:30

—Esercitazioni e revisioni Sono previste esercitazioni intermedie oggetto di valutazione al fine del conseguimento della materia: analisi scene, esercitazione sui raccordi, esercitazione su associazioni tra immagini, esercitazione di compositing.

L’accesso alle revisioni è su prenotazione via PEO. Nella pagina del docente è disponibile il calendario di massima delle revisioni preventivamente redatto.

—Elaborato finale Per il conseguimento della materia è prevista la realizzazione di un elaborato audiovisivo da consegnare contestualmente all’esame. L’elaborato finale per essere ammesso dovrà necessariamente essere oggetto di revisione prima dell’esame e avere le seguenti caratteristiche: video di breve durata contenete almeno 4 scene


—Modalità esame

Esame orale sui testi di riferimento obbligatori e i contenuti illustrati a lezione.
La valutazione comprenderà anche le esercitazioni intermedie e l’elaborato finale. Per la parte teorica si rimanda alla bibliografia.

—Prerequisiti richiesti

Elementari conoscenze delle tecniche di ripresa e di un software di editing digitale.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Contenuti del corso

  1. Si lavorerà su un software editing digitale il cui uso tecnico verrà spiegato a lezione.
  2. Attraverso l’analisi di scene cinematografiche si risalirà alle teorie e tecniche che ne sono alla base: dal montaggio per raccordi al montaggio intellettuale.
  3. Si analizzerà il montaggio interno alle singole scene e il modo di collegare le scene tra loro.
  4. Esercitazioni di gruppo sulle varie forme di montaggio saranno svolte dalle allieve e dagli allievi attraverso la realizzazione di montaggi originali. 
  5. Le consegne saranno analizzate pubblicamente per condividere le varie proposte. Tutte le esercitazioni dovranno essere consegnate all’esame.

—Testi di riferimento obbligatori :

Walter Murch, In un batter d’occhi. Una prospettiva sul montaggio cinematografico nell’era digitale, Lindau; 5° edizione 2018

Christopher J. Bowen e Roy Thompson, La grammatica del montaggio. Il manuale che spiega quando e perché tagliare, Dino Audino, 2015

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale [email protected]