Tecniche dell’incisione – grafica d’arte 2

Syllabus

—Obiettivi formativi

Il corso si prefigge l’apprendimento idoneo, da parte degli studenti, delle competenze sia nel linguaggio grafico-espressivo sia nelle conoscenze tecnico delle “Tecniche dirette” della Grafica d’Arte e dei aspetti ad esso inerenti.

La prima fase del corso sarà indicata l’analisi visiva e tecnica di quattro artisti assegnati (Albrecht Dürer, Andrea Mantegna, Gustave Dorè, Mauritius Cornelis Escher) che gli studenti dovranno analizzare e riproporne la composizione e il segno grafico, grafica di traduzione, per apprenderne le caratteristiche e le diversità del segno grafico.

La seconda fase riguarda lo sviluppo sia di elaborati assegnati sia di elaborati individuali legati ad una tematica personale a scelta. Gli studenti saranno indirizzati alla corretta metodologia di traduzione visiva della composizione fornendo nozioni atte alla corretta composizione dell’immagine seguendo le caratteristiche e le necessità individuali del singolo allievo.

Gli studenti dovranno mostrare di aver recepito le nozioni base delle tecniche espletate e spiegate durante il corso delle lezioni e di aver sviluppato e trovato un proprio indirizzo segnico.

—Modalità di svolgimento

Svolgimento delle lezioni a distanza (DAD) suddivise in una parte teorica, espletata con l’ausilio di immagini e/o video, e da una parte laboratoriale. È richiede la partecipazione attiva dello studente durante le lezioni.
I semestre:  7a–12a settimana (lunedì, martedì e mercoledì) ore 08.30-11.50

—Modalità esame

Gli studenti sono tenuti a partecipare alle revisioni periodiche e gli elaborati devono essere presentati entro le ore di lezione.
Lo svolgimento degli esami sarà orale, basato sui testi indicati riguardanti gli argomenti trattati durante le lezioni, dall’elaborato teorico monografico scritto, concordato col docente e coerente col programma, e la presentazione degli elaborati grafici richiesti organizzati in una cartella.

—Prerequisiti richiesti

È opportuno che ogni studente sia pronto a proporre le proprie ricerche da discutere e sviluppare duranti il corso delle lezioni di laboratorio con una ricerca affrontata quale base di partenza.
Per coloro che sono inseriti per la prima volta mostrare le tipologie di lavori prodotti o disegni realizzati in precedenza

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Contenuti del corso
Argomenti delle lezioni teoriche:

  1. Differenze tra le tecniche indirette e dirette. Processi di stampa e tipologia delle carte.
  2. Le vernici e le cere utilizzate per le varie tecniche dirette.
  3. Natura e pericolosità degli acidi e i mordenti e reazioni con i metalli più utilizzati per la grafica diretta. Il concetto e le metodiche delle morsure.
  4. Tecniche dirette: l’acquaforte e le sue tre tipologie tecniche e i risultati grafici.

Durante le ore dedicate al lavoro di laboratorio saranno impartite lezioni sulle procedure di stampa e delle tecniche dirette e agli elaborati da realizzare, sugli inchiostri e sulle metodologie tecniche, e procedimenti grafici nell’espletamento pratico degli elaborati dei singoli allievi. Il corso è suddiviso in due parti:

La prima dedicata all’analisi del segno, e la riproduzione dello stesso, di Albrecht Dürer, Andrea Mantegna, Gustave Dorè, Mauritius Cornelis Escher e la realizzazione di matrici e stampe.

La seconda dedicata alla produzione degli elaborati individuali legati ad una tematica personale a scelta e alla realizzazione di un manifesto promozionale con tematica a scelta.

Saranno indicate le tecniche grafiche idonee, calcografiche o xilografiche, a corretta valorizzazione degli elaborati.

  1. Tecniche dirette: l’acquatinta, le varie graniture e riserve (a. positiva e a. negativa) con risultati grafici.
  2. tecniche dirette: la cera molle, il punteggiato settecentesco, la maniera a penna, la morsura aperta.
  3. Processi e metodi di stampa: il metodo Hayter e le sperimentazioni della seconda metà del XX sec.
  4. Altre metodologie di stampa e di tecniche: il Collograph, il Caborundum.

—Testi di riferimento obbligatori

Istituto Nazionale per la Grafica, “Acquaforte, Acquatinta, Lavis, Ceramolle”, De Luca Editore d’Arte, 2005;

Istituto Nazionale per la Grafica, Xilografia, De Luca Editore d’Arte, 2006;

Istituto Nazionale per la Grafica, Bulino Puntasecca Maniera nera, De Luca Editore d’Arte, 2006;

Bruno Paglialunga, la Calcografia, ed. Eugenio Riccitelli, Pescara, 1985;

Lino Bianchi Barriviera, L’incisione e la stampa originale, Neri Pozza, 1984;

Liborio Curione, Opera Grafica Incisa, ARTRE 1995;

Guido Strazza, Il gesto e il segno, ed. Apeiron, 1995.

Testi di approfondimento consigliati

Verranno forniti ulteriori testi di approfondimento, individualmente o collettivamente.

Materiale occorrente

Matite dure e grasse (2h, b-9b), fogli da disegno di varia natura ruvidi e lisci o altro, sgorbie a sezione V e U di due misure, matrici di linoleum, matrici di compensato (misure e spessore da concordare), punta secca, raschietto e brunitoio, lastre di zinco o di varia misura (da concordare), carte abrasive 800, 1000, 1200, carta da stampa, di cotone poco collata da 290 g/mq, materiale di varia natura (da concordare).

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it