Tecniche del marmo e delle pietre dure

Syllabus

—Obiettivi formativi

Il corso ha come obiettivo il raggiungimento di abilità nell’arte della scultura in pietra e marmo, sotto il profilo estetico-espressivo, tecnico-pratico e metodologico.
L’allievo approfondirà la conoscenza dei materiali e delle nuove tecnologie ad essi legate, sia all’interno del laboratorio, sia attraverso visite guidate che periodicamente si effettueranno all’interno di cave e segherie.
Il corso prevede una prima parte grafico-progettuale di carattere propedeutico, in cui si svilupperà la composizione plastica stimolando la capacità creativa in rapporto al materiale da utilizzare.
Nella seconda parte si svolgeranno esercitazioni laboratoriali con un primo approccio alla tecnica d’intaglio diretta ed indiretta applicata su pietre sedimentarie e/o marmo, attraverso l’utilizzo di strumenti manuali e tecnologici necessari alla lavorazione.

—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali in laboratorio.

—Modalità esame

Valutazione dei progetti grafici e delle opere realizzate in laboratorio e relativa relazione tecnica. Approfondimento teorico degli argomenti trattati durante le lezioni frontali.

—Prerequisiti richiesti

Capacità di modellazione plastica.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Testi di riferimento obbligatori

J. Camì, J. Santamera, Scultura in Pietra, Il Castello;

P. Di Gennaro, Modi della scultura, Hoepli;

—Testi di riferimento consigliati

R. Wittokower, La Scultura raccontata, Einaudi Torino;

Giò Pomodoro, pietre e marmi 1965-1997, Editoriale Giorgio Mondadori;

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it