Storia dell’arte contemporanea 2 A-L

Syllabus

—Obiettivi formativi

Multimedialità e sconfinamenti 2 + Finzione come realtà. E viceversa. (Maurizio Cattelan e Damien Hirst)

Il corso rappresenta la continuazione di quello tenuto l’anno precedente, dunque è strutturato in modo da far sì che gli studenti acquisiscano le conoscenze storico-artistiche relative al periodo analizzato, senza dimenticare il contesto storico-politico-culturale, e che continuino a sviluppare una loro visione critica rispetto alla materia trattata.
Il percorso seguirà lo stesso tema dell’anno precedente, seguirà comunque un percorso cronologico e contemplerà anche due approfondimenti monografici.
È prevista la partecipazione attiva degli studenti alle lezioni, oltre che alla verifica intermedia, per far sì che l’esame finale costituisca un momento durante il quale esprimere quel che si è costruito durante il corso stesso.

—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali e lezioni partecipate. 

I concetti saranno proposti anche grazie all’analisi di dipinti, sculture, fotografie, cortometraggi, video e documentari.
Sarà dato spazio alla partecipazione attiva degli studenti.

I semestre: 1a–6a settimana (lunedì, martedì, mercoledì) ore 10.10–12.50

—Modalità esame

Verifica intermedia ed esame finale

Verifica intermedia:
Power point #1

Gli studenti, divisi in gruppi, saranno tenuti a realizzare degli approfondimenti personali su Maurizio Cattelan o su Damien Hirst e quindi realizzeranno un primo power point che presenterà solo immagini corredate dalle relative didascalie scientifiche: nome autore, titolo, data realizzazione, materiali, collocazione.
Tali power point saranno visionati in gruppo durante il corso stesso; la valutazione di tale verifica intermedia sarà tenuta in conto ai fini della valutazione finale; la verifica intermedia è utile per poter sostenere l’esame anche nelle sessioni successive alla prima.
Gli studenti che non avranno sostenuto la verifica intermedia saranno considerati “non frequentanti” al pari degli studenti che non avranno frequentato almeno l’80% delle lezioni.
Gli studenti non frequentanti in aggiunta al presente programma saranno tenuti a portare all’esame ulteriori testi da concordare con la docente.

Esame finale

L’esame consisterà in un colloquio su tutto il corso, dunque verterà su:

  • opere, autori, argomenti affrontati durante le lezioni
    (vedi sotto Contenuti del corso)
  • testi riportati in bibliografia
    (vedi sotto Testi di riferimento obbligatori)
  • video e film analizzati a lezione
    (vedi sotto Filmografia obbligatoria)

La metodologia dell’esame sarà la stessa utilizzata durante il corso e durante la verifica intermedia, dunque il discorso partirà sempre dall’analisi delle opere per ampliarsi sul contesto e sarà favorito un atteggiamento critico e personale piuttosto che uno prettamente nozionistico.

Power point #2

proprio per raggiungere gli obiettivi formativi prefissati, utilizzando la modalità già sperimentata nel corso della verifica intermedia, gli studenti porteranno all’esame un secondo power point. In questo caso però sarà realizzato singolarmente da ogni studente e darà conto della sua visione personale di tutto il corso, di quanto appreso tramite la partecipazione alle lezioni e a seguito dello studio individuale.
Come nel caso del power point #1 presenterà immagini non accompagnate da testo esplicativo ma corredate dalle sole didascalie scientifiche: nome autore, titolo, data realizzazione, materiali, collocazione.

—Prerequisiti richiesti

Conoscenza del programma del primo anno dello stesso corso.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria, non inferiore all’80% della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale come da Art.10 del DPR n. 212 del 8 luglio 2005.

—Contenuti del corso

Il corso affronterà l’arte dagli anni Settanta fino ad oggi, ponendo maggiore attenzione sui movimenti, sugli artisti e sulle opere dove è più importante l’approccio multimediale e il superamento dei confini tra le varie tecniche.
Si approfondirà inoltre l’operato di Maurizio Cattelan e di Damien Hirst,
due artisti che si possono ritenere fondamentali per comprendere l’arte
dei nostri giorni.
Si analizzeranno criticamente tutti i vari aspetti del loro lavoro che presenta dei punti di tangenza, ad esempio nell’attitudine a giocare continuamente tra l’essere tremendamente seri e, al contempo, altrettanto tremendamente scanzonati.
Inoltre, anche attraverso l’analisi delle loro pratiche artistiche, si indagheranno i vari aspetti che connotano oggi il ‘mondo’ dell’arte contemporanea, non dimenticando il tema centrale del rapporto dell’arte con il pubblico, considerando anche gli ultimissimi sviluppi.

—Testi di riferimento obbligatori

Elio Grazioli & Bianca Trevisan (a cura di), Maurizio Cattelan,
Riga 39 – Quodlibet, 2019;

Ludovico Pratesi, Maurizio Cattelan, Giunti, Collana Arte e Dossier, 2017;

Maurizio Cattelan con Catherine Grenier, Un salto nel vuoto.
La mia vita fuori dalle cornici, Rizzoli, 2011 (dispense);

Damien Hirst, Treasures from the Wreck of the Unbelievable
(edizione italiana), Marsilio, 2017 (dispense);

Aa. Vv.,Contemporanea. Arte dal 1950 ad oggi, Electa:
Giorgina Bertolino, Anni Settanta: Panorama artistico internazionale, Arte concettuale, Process Art, Land Art, Body Art, Iperrealismo;

Elena Del Drago, Anni Ottanta:
Panorama artistico internazionale, Transavanguardia e Nuova Pittura, Neoespressionismo, Graffiti Writing, Fotografia, Neoconcettuale, Nuova Scultura;

Francesco Bernardelli, Anni Novanta:
Panorama artistico internazionale, Multiculturalismo e arte post-coloniale, Genere e identità, Post Human, Arte Relazionale, Postmodernità;

Francesco Bonami: Duemila. Il secolo a uncinetto;

Filmografia obbligatoria

Be Right Back, di Maura Axelrod, IT, 2017,1’35’’ (Feltrinelli Real Cinema);

Treasures from the Wreck of the Unbelievable, di Sam Hobkinson,
UK, 2017, 1’30’’ (Netflix);

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it