Progettazione delle professionalità

Syllabus

—Obiettivi formativi

Appartenente al settore disciplinare marketing e management, Progettazione delle professionalità analizza le «competenze inerenti la programmazione, la promozione e la gestione delle attività culturali ed artistiche, con particolare riferimento ai metodi di elaborazione delle strategie relative al mercato dell’arte e della comunicazione. L’attenzione è rivolta, inoltre, alle applicazioni collegate alla gestione dei beni culturali intesi come risorsa sociale ed economica del territorio».
Per tali ragioni, indicate negli Atti Ministeriali del MIUR, durante il corso delle lezioni saranno forniti agli studenti gli strumenti gnoseologici utili alla comprensione del marketing culturale e del Sistema dell’arte, con riferimenti al pensiero sistemico (per la progettazione), alla filosofia del paesaggio (per i beni culturali) e alla comunicazione.

—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali in aula.
II semestre:  1a–8a settimana (da definire) ore (da definire)

—Modalità esame

Orale.

—Prerequisiti richiesti

È richiesta una conoscenza generale della storia dell’arte.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Contenuti del corso

  1. Anno accademico 2017/2018. Titolo del corso “La progettazione della creatività”. Testi in programma: E. Garroni, “Creatività”, Quodlibet, 2010; uno a scelta tra: Platone, “Ione”, qualsiasi edizione; H. de Balzac, “Il capolavoro sconosciuto”, qualsiasi edizione.
  2. Anno accademico 2019/2019. Titolo del corso “L’arte come creazione della società”. Testi in programma: F. Guattari, “Le tre ecologie”, Sonda, 2019; uno a scelta tra: F. Poli, “Il sistema dell’arte contemporanea”, Laterza, 2011; A. Vattese, “L’arte contemporanea. Tra mercato e nuovi linguaggi”, Il Mulino, 2017.
  1. Anno accademico 2019/2020. Titolo del corso “L’ecosistema dell’arte”. Testi in programma: F. Poli, “Il sistema dell’arte contemporanea”, Laterza, 2011; uno a scelta tra: D. La Mendola, “L’ecosistema dell’arte”, Villaggio Maori Edizioni, 2020; F. Guattari, “Le tre ecologie”, Sonda, 2019; G. Foschi, “Le fotografie del silenzio”, Mimesis, 2015.

—Testi di riferimento obbligatori

F. Severino, Economia e marketing per la cultura, Franco Angeli, 2016;

A. Bollo, Il marketing della cultura, Carocci, 2019;

F. Poli, Il sistema dell’arte contemporanea, Laterza, 2011;

A. Vattese, L’arte contemporanea. Tra mercato e nuovi linguaggi,
Il Mulino, 2017;

R. Assunto, Il paesaggio e l’estetica, Giannini;

G. Simmel, Saggi sul paesaggio, Armando, 2006;

M. Jakob, Il paesaggio, Il Mulino, 2009;

R. Milani, L’arte del paesaggio, Il Mulino, 2001;

M. Venturi Ferriolo, Oltre il giardino, Einaudi, 2019;

E. Turri, Il paesaggio come teatro. Dal territorio vissuto al territorio rappresentato, Marsilio, 2006;

M. Livolsi, Manuale di sociologia della comunicazione, Laterza, 2011;

D. La Mendola, Ecosofia dell’arte, Aurea Phoenix, 2019;

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it