Pittura nuovi linguaggi 2

senza titolo, 2020

elaborazione digitale

lara schilirò

senza titolo, 2020

elaborazione digitale

lara schilirò

senza titolo, 2020

elaborazione digitale

lara schilirò

senza titolo, 2020

elaborazione digitale

lara schilirò

La luce in fondo al tunnel di sangue, 2020

tecnica mista su carta

caterina condorelli
Freccia destra
Freccia sinistra

Syllabus

—Obiettivi formativi

Il programma del II anno prende le mosse dall’individuazione dei temi e degli ambiti di ricerca che l’allievo ha iniziato ad affrontare nel precedente anno di corso. In modo propedeutico si tenderà ad ampliare quelle premesse, rendendo via via più consapevole non solo il carattere linguistico e teorico del percorso intrapreso, ma come questo possa venir espresso al meglio con prassi operative diversificate, spaziando dalla pittura, alla fotografia, al video e al multimedia.
Tale nuova coscienza espressiva è ampiamente supportata da mirate lezioni sulla lettura dell’opera contemporanea: come nasce una ricerca artistica, quali ne siano i presupposti espressivi, a chi si rivolge e cosa vuole rappresentare, sono gli argomenti su cui si baseranno tali lezioni di lettura dell’opera.
Questo tipo di approccio punta alla formazione di competenze non solo legate alla libera professione, ma più ampiamente a tutte quelle professionalità che conoscano come un’opera viene prodotta e quale può esserne il valore in termini di conoscenza e bene culturale.
In tale direzione si affiancheranno così a queste lezioni di carattere speculativo/analitico, tutta una serie di applicazioni pratiche ed esercitazioni come la scrittura di un testo critico, come la stesura di un comunicato, come l’articolo divulgativo. Questo genere di preparazione si pone l’intento di informare su possibili competenze nel campo dell’attività culturale; ma nello stesso tempo si presenta come modello d’apprendimento e di lettura del lavoro individuale, aumentando lucidità d’analisi e capacità di tutela dei criteri di ricerca di ogni allievo.
Sulla stessa traccia si muoveranno tutta una serie di argomentazioni teoriche attorno a questioni e temi dell’arte contemporanea che saranno presentate agli allievi come ambiti critici, con l’intento di fare del prodotto d’arte una forma di linguaggio complessa che riveli senso, percezione e interpretazione critica del mondo a noi circostante.
All’allievo verranno presentate inoltre alcune realtà operative del sistema e del mondo dell’arte, non più inteso come struttura chiusa, ma al contrario come un sistema complesso, plurale e diversificato. Alcune dispense divise per regioni italiane mostreranno quali e dove sono le realtà più importanti presenti sul territorio, capaci di essere laboratori formativi posti in relazione con tutta la rete dell’intero sistema culturale.


—Modalità di svolgimento

Le lezioni, già a partire dalle prime settimane, saranno dedicate all’individuazione dei temi espressivi e narrativi che potrebbero costituire il fronte di ricerca delle produzioni successive, ancorando questa analisi personale a ciò che l’allievo intenderà portare avanti come ricerca.
Le lezioni avranno un carattere laboratoriale, e anche se fortemente incentrate sulle questioni teoriche del “fare”, saranno sempre finalizzate alla realizzazione di opere. In tale orientamento prevedranno un’alternanza tra momenti analitici, che costituiranno il nucleo speculativo e conoscitivo del lavoro individuale, e momenti dedicati alla realizzazione degli elaborati. Per il carattere articolato e multidisciplinare però delle singole ricerche, non sarà sempre facile la realizzazione in sede delle opere, preferendo così concentrare il lavoro in aula sulle revisioni e gli spunti critici.
Per l’anno in corso, in ottemperanza alle restrizioni anti-covid, non sono state indicate modalità in presenza. Le lezioni, ove non diversamente indicato, si svolgeranno su piattaforma Teams, e manterranno tutte il carattere frontale e obbligatorio entro i termini previsti dall’ordinamento didattico.

I semestre: 13° – 16° settimana, lun-mar-mer 08,30-13,30. Su Teams: 08,30-11,50

II semestre: 10° – 14° settimana, lun-mar-mer 08,30-13,30. Su Teams: 08,30-11,50


—Modalità esame

Gli esami prevedranno la presentazione dei progetti e degli gli elaborati svolti durante l’anno accademico, e sono da concepire come l’evento conclusivo che segue le singole e individuali revisioni svolte durante il corso. Nonostante la massiccia presenza di lezioni teoriche, non è prevista una parte orale da preparare per l’esame, fatta eccezione per quegli spunti necessari alla corretta presentazione della propria ricerca artistica, e per alcuni approfondimenti fatti sugli argomenti trattati circa il sistema dell’arte. Per la presentazione dei progetti è ammessa sia la forma cartacea che la forma digitale.


—Prerequisiti richiesti

Per l’iscrizione al 2° anno del percorso triennale di Nuovi Linguaggi viene richiesta la consapevole argomentazione relativa al proprio individuale percorso artistico. Anche se non ancora in forma matura, ciò che viene chiesto all’inizio della seconda annualità è la coscienza programmatica della ricerca personale.
Si cercherà di strutturare, così, un percorso operativo concreto e preciso, che si leghi ad alcuni presupposti oggettivi del sistema arte e del fare ricerca in ambito contemporaneo.


—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria, non inferiore all’80% della totalità della didattica frontale come previsto da palinsesto, con esclusione dello studio individuale come da Art.10 del DPR n. 212 del 8 luglio 2005.


—Contenuti del corso

  1. Introduzione al concetto di ricerca personale: indicazione di ricerca e scelte tematiche personali.
  2. Nuove analisi degli ambiti di ricerca maturati in periodo estivo.
  3. Nuova lezione sui Metodi creativi per giovani artisti (la stessa lezione è stata fatta alla fine del 1° anno).
  4. Nuove letture dell’opera d’arte contemporanea.
  5. Gioco: L’avvocato del diavolo.
  6. Introduzione al concetto di sconfinamento extramediale.
  7. Lezione: La scuola di Dusseldorf.
  8. Lezione: Illustration, cartoon, comics, pop and fantasy.
  9. Introduzione al concetto di coerenza e di incoerenza tematica o stilistica come qualità critiche opposte ma ugualmente valide dentro le ricerche strutturali più complesse.
  10. Lezione: Come l’immagine fotografica contemporanea rimanipola il mondo. Cataloghi: Form follows fiction e Realtà manipolate.
  11. Presentazione delle dispense sui Centri di ricerca d’arte contemporanea in Italia. Per alcuni giorni emendare e correggere lacune e inesattezze con ricerche sul web a cura degli studenti.
  12. Gioco: Lettura comparata 2.
  13. L’opera d’arte e il suo progetto, l’opera d’arte e il suo caso: lezione Arte e metodo; il principio di aleatorietà nel contemporaneo.
  14. Gioco: Oggetto e astrazione.
  15. Gioco: Lettura comparata 3.
  16. Lezione: Poesia, testo, parola, scrittura.
  17. Lezione: L’errore fotografico. Un’analisi sul concetto di “errore” nel Contemporaneo a partire dal testo di Cheroux.
  18. L’arte ai tempi della pandemia: visione del sito “Autoprogettazione”.
  19. Lezione: Oggetto, metaoggetto, superoggetto: il trionfo dell’oggetto comune e delle sue declinazioni. Dalla natura morta all’arte oggettuale.
  20. Gioco: Di necessità virtù.
  21. Introduzione al concetto di Site specific: dalla messa in scena barocca alla manipolazione del luogo. Esercitazioni teoriche su luoghi dati. Lettura dispense sul metodo di intervento ambientale Lo “spazio sovvertito”.
  22. Lezione: Spazi e misure.
  23. Lezione: Un’immagine di morte.
—Attività esterne

L’intera offerta formativa viene concepita come un grande laboratorio di formazione e di preparazione alla promozione delle ricerche individuali. In tal senso prevedrà fruizioni di mostre in spazi del territorio, organizzate sia entro gli orari di lezione, che in momenti differenti come inaugurazioni e incontri.
La presenza a questi momenti sarà intesa come un necessario e naturale supplemento alle lezioni teoriche, perché avrà modo di verificare in campo le questioni affrontate solo in via astratta e senza il confronto visuale diretto con l’opera. Ma sarà anche da intendersi come momento essenziale per la comprensione e la conoscenza del sistema arte, nonché propizia occasione di incontri importanti per la promozione individuale con le figure del sistema: galleristi, curatori, critici, …

—Attività espositive

Il corso di Nuovi Linguaggi prevede annualmente alcune attività espositive entro spazi del territorio con cui da tempo tesse relazioni e collaborazioni. In tale prospettiva, le mostre organizzate saranno da intendersi come fondamentali e importantissimi momenti di formazione in campo, capaci di far comprendere, con l’esperienza diretta, la complessa macchina dell’arte, che partendo dalla produzione personale passa alla programmazione, alla promozione ed infine all’esposizione e ai suoi apparati.
La conoscenza e il confronto con figure del sistema offrirà agli allievi la consapevolezza del lavoro artistico proiettato all’esterno del mero ambito accademico, e permetterà di concepire la ricerca come un insieme di momenti distinti ma collegati, poiché la stessa esposizione non sarà approdo, bensì nuovo punto di partenza per risalire in modo “inverso” il processo: dall’esposizione verso la promozione -creando nuove relazioni professionali- fino a nuove programmazioni e direzioni degli ambiti di ricerca.
Ulteriori, anche se più sporadiche opportunità saranno inoltre offerte grazie alla partecipazione ad eventi, concorsi, esposizioni di respiro nazionale. Agli allievi, inoltre, saranno sempre indicati i concorsi, i premi e le residenze, quali strumenti necessari alla promozione individuale.

  1. Lezione: Autoritratto e identità. Visione testo sull’autoscatto Il corpo solitario.
  2. Lezione: Un’idea di maternità.
  3. Lezione: da Lee Yongbaek ad Abramovic, da Eliasson a Stingel.
  4. Lezione: virtuosità multimediali.
  5. Arte al femminile: quando è versus se fatta al maschile.
    Gioco: “Tu sei….”ovvero l’intervista.
  6. Lezione: La zona d’ombra.
  7. Gioco: In punto di morte.
    Sorpresa, shock, scandalo: il rumors è solo
    contemporaneo?
  8. Gioco: L’opera che potrebbe essere tua, l’opera che ti piacerebbe fosse tua.
  9. Lezione: Scene di vita da un interno.
  10. Gioco: I nomi, le città e le cose.
    Gioco: Il gioco del mimo.
  11. Il principio dell’estemporaneo: la performance e l’opera a tempo.
    Trasformazione dell’opera nel tempo: il transeunte: Marina Abramovic: The artist is present.
  12. Corpo e arte: Umano, postumano, metaumano. Dalla performance al cyborg. Lettura testi Il corpo dell’artista e Il corpo nell’arte.
  13. Lezione: Flora, fauna e altre opere d’arte.
  14. Gioco: Come faccio a spiegare a mia madre che quello che faccio è importante.
    Lezione: Cose a caso.
  15. Gioco: Io sono…
    Gioco: La piccola bottega degli o/errori.
  16. L’immateriale contemporaneo: il Concettuale e l’evoluzione del principio estetico.
  17. Lezione: Paesaggi sonori e audioinstallazioni.
  18. Gioco: Young italian artists…o quasi. Lezione: Fare una mostra: i criteri di partenza per un allestimento: Hans Ulrich Obrist.
  19. Metafore, simboli e metonimie del moderno: quali sono oggi gli elementi metaforici, simbolici o metonimici per leggere il mondo.
  20. Gioco: La grande cosa.
    Gioco: Facciamolo in tre.
  21. Lezione: Fotorealismo e iperrealismo.
  22. Lezione: Realismo pittorico tedesco.
  23. Lezione: cartella Autoritratto, biografie e autobiografie del contemporaneo.

—Testi di riferimento obbligatori

Hal Foster, Rosalind Krauss, Yve-Alain Bois, a cura di Elio Grazioli, Arte dal 1900. Modernismo, antimodernismo, postmodernismo, Zanichelli, 2017

Martina Corgnati, Francesco Poli, Dizionario D’arte Contemporanea, Feltrinelli, 1994

Francesco Poli, Il Sistema dell’arte contemporanea, Laterza Editori, 2007

Andrea Concas, Professione Arte, Mondadori, 2020

—Testi di approfondimento consigliati

Silvia Bordini (a cura di), Arte contemporanea e tecniche. Materiali, procedimenti, sperimentazioni, Carocci, 2007

Alessandro Del Puppo, L’ arte contemporanea. Il secondo Novecento, Einaudi, 2013

Loredana Parmesani, Arte del XX secolo e oltre. Movimenti, teorie, scuole e tendenze, Skira, 2012

Angela Vettese, Si fa con tutto, Laterza Editori, 2011

Angela Vettese, L’arte contemporanea – Tra mercato e nuovi linguaggi, Il Mulino, 2017

Donald Thompson, Lo squalo da 12 milioni di dollari, Oscar Mondadori, 2017

Damien Hirst e Gordon Burn, Manuale per giovani artisti, Postmediabooks, 2004

Francesco Bonami, Lo potevo fare anch’io, Oscar Mondadori, 2009

Hans Ulrich Obrist, dontstopdontstopdontstopdontstop, Postmediabooks, 2010

Hans Ulrich Obrist, Fare una mostra, Utet, 2014

Nicolas Bourriaud, Estetica relazionale, Postmediabooks, 2010

Marco Meneguzzo, Breve storia della globalizzazione in arte, Johan&Levi, 2012

Claudio Marra, Fotografia e pittura nel Novecento (e oltre), Bruno Mondadori, 2012

Sarah Thornton, 33 artisti in 3 atti, Feltrinelli, 2015

Hans Ulrich Obrist, Breve storia della curatela, Postmediabooks, 2011

Demetrio Paparoni, Il bello, il buono e il cattivo, Ponte alle Grazie Ed., 2014

Charlotte Cotton, La fotografia come arte contemporanea, Piccola Biblioteca Einaudi, 2014

Fausto Tomei, Arte interattiva, Pendragon, 2006

—Altro materiale didattico

Durante il corso saranno fornite agli allievi tutte le dispense, in formato pdf, relative agli argomenti trattati. Ogni dispensa, e i riferimenti web necessari all’approfondimento delle lezioni, saranno a disposizione degli allievi online sia sul sito ufficiale che sulla piattaforma Teams. Per l’approfondimento online si intenderanno i siti ufficiali delle istituzioni, delle strutture e degli enti analizzati, costituenti il sistema arte, con un ulteriore focus analitico sul Contemporaneo.

YouTube nuovi linguaggi accademia catania
Instagram abactnuovilinguaggipittura

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it