Pittura e linguaggi del contemporaneo 2

—Syllabus

Dipartimento di Arti Visive
DASL01— Diploma Accademico di Secondo livello in Pittura e Linguaggi del Contemporaneo
corso in Pittura e Linguaggi del Contemporaneo

Pittura e Linguaggi del Contemporaneo 2
Codice ABST 51 — 125 ore 10 CFA
a.a. 2022–2023

Professore Gianluca Lombardo

Titolare di ruolo di Pittura (ABAV 05)
Posta elettronica istituzionale (PEO): [email protected]
Orario di ricevimento: ogni giovedì dalle ore 10:00
Piattaforma Teams Revisioni Prof. G.Lombardo – codice 3ih6zxx

Tutti gli appuntamenti dovranno essere concordati precedentemente col docente via mail istituzionale, via messaggi privati o su Teams.
Sede: Via Franchetti 5, Catania.

Link YouTube nuovi linguaggi accademia bbaa catania
Link Instagram abactnuovilinguaggipittura

—Obiettivi formativi

In questa seconda annualità del Biennio di Nuovi Linguaggi della Pittura verranno trattati nuovi temi e argomenti sulla stregua di quelli iniziati il precedente anno. Analogamente al lavoro già svolto, gli allievi continueranno la loro ricerca artistica, rendendone più sicuro il sistema progettuale ed espositivo. I temi dati affronteranno contenuti più complessi e, a differenza di quelli indicati in precedenza più vicini a questioni formali, toccheranno anche argomenti legati al sociale, alle politiche del pianeta, ai diritti delle cittadinanze, ecc…; o lavoreranno con maggiore attenzione su pensieri che nascano dalla storia, dai luoghi, dalla psicologia, dalla narrativa, dalla poesia, dall’antropologia, dalla scienza, dall’etica, ecc… Sul fronte teorico le lezioni amplieranno la capacita di lettura dell’opera d’arte, producendo una rete più articolata di comparazioni tra ricerche, questioni tematiche e autori. Durante le lezioni verranno letti frammenti di saggi di critica d’arte, su cui formulare pensieri e analisi che l’allievo può tracciare a beneficio del proprio modo di creare e pensare l’opera. Come d’abitudine, ai discenti verranno proposte visite alle mostre presenti in città, nei luoghi, spazi e gallerie maggiormente accreditati. Duranti tali visite sarà possibile restituire sul campo la preparazione teorica compiuta al corso, approntando le letture critiche più efficaci per comprendere le opere fruite. Una mappa della citta verrà assegnata ad ogni allievo dove rintracciare in legenda i luoghi in oggetto. Ulteriori dispense faciliteranno la conoscenza del sistema dell’arte contemporanea: le fiere e i meeting più importanti; le riviste e le piattaforme web da seguire ad ogni lezione; le strutture italiane ed estere vocate alla ricerca e alla multidisciplinarita dell’arte attuale. Verranno analizzati i centri maggiormente conosciuti dove normalmente si svolgono i laboratori e le residenze più importanti per la formazione di un giovane artista. Così come verranno presentati i concorsi e i premi a cui, analogamente, agli esordi, e bene prender parte se si vuole iniziare una qualsiasi carriera all’interno del sistema. Verranno visionate alcune delle strutture che regolano il sistema dell’arte nel nostro paese, per capire meglio come si muove la macchina culturale italiana, cosa ci sia alle spalle dei grandi musei e delle grandi collezioni, e com’è organizzata la struttura economica che sottende tale sistema. Si accennera a come nasce una pubblicazione. Quali siano i criteri di catalogazione del lavoro prodotto e come organizzare la rassegna stampa personale. Infine, un ultimo sguardo alle riviste e piattaforme culturali estere.

—Modalità di svolgimento dell’insegnamento

Didattica mista in presenza e a distanza (DAD) Lezioni frontali in aula. I semestre: 1a–8a settimana (giovedì, venerdì e sabato) ore 08.15-13.15 Come per tutte le annualità, le lezioni avranno un carattere laboratoriale, e anche se fortemente incentrate sulle questioni teoriche del “fare”, saranno sempre finalizzate alla realizzazione di opere. In tale orientamento prevedranno un’alternanza tra momenti analitici, che costituiranno il nucleo speculativo e conoscitivo del lavoro individuale, e momenti dedicati alla realizzazione degli elaborati. Per il carattere articolato e multidisciplinare però delle singole ricerche, non sarà sempre facile la realizzazione in sede delle opere, preferendo così concentrare il lavoro in aula sulle revisioni e gli spunti critici. Le lezioni, ove non diversamente indicato, si svolgeranno in presenza e/o su piattaforma Teams, e manterranno tutte il carattere frontale e obbligatorio entro i termini previsti dall’ordinamento didattico.

—Modalità esame

Gli esami prevedranno la presentazione dei progetti e degli gli elaborati svolti durante l’anno accademico, e sono da concepire come l’evento conclusivo che segue le singole e individuali revisioni svolte durante il corso. Insieme alla presentazione degli elaborati verrà chiesto agli allievi l’approfondimento teorico svolto sui testi dati, verificando la conoscenza degli argomenti affrontati durante lo svolgimento delle lezioni. Per la presentazione dei progetti è ammessa sia la forma cartacea che la forma digitale.

—Prerequisiti richiesti

Per l’iscrizione al 2° anno del percorso biennale di Nuovi Linguaggi viene richiesta la consapevole argomentazione del proprio percorso artistico e la coscienza programmatica della ricerca personale. Si chiederà di organizzare un percorso operativo che si ponga in relazione con alcuni presupposti oggettivi del fare ricerca contemporanea entro il sistema odierno.

—Frequenza lezioni

La frequenza è obbligatoria, non inferiore all’50% della totalità della didattica frontale come previsto da palinsesto, con esclusione dello studio individuale come da Art.10 del DPR n. 212 del 8 luglio 2005

—Contenuti e programmazione del corso

  1. Introduzione all’ipotesi progettuale da approntare per una personale. Scelta dei temi e criteri di selezione dei lavori.
  2. Comunicato stampa, foglio di sala, testo curatoriale.
  3. Principali riviste on paper all’estero. Analisi via web.
  4. Analisi di un progetto espositivo site specific per un allestimento in solo show.
  5. Principali piattaforme on line all’estero.
  6. Introduzione ai group show. Criteri di selezione delle opere. Sviluppo dei temi per una ipotesi di curatela.
  7. Esercitazioni pratiche per la foto documentaria dell’opera a fini editoriali.
  1. Criteri di allestimento video.
  2. Corsi in curatela d’arte. Analisi sul web.
  3. Principali manifestazioni, fiere ed esposizioni nel mondo.
  4. Principali gallerie private in Italia.
  5. Principali gallerie private nel mondo.
  6. Principali musei di arte contemporanea nel mondo.
  7. Un’analisi del collezionismo internazionale.

— Attività esterne
L’intera offerta formativa viene concepita come un grande laboratorio di formazione e di preparazione alla promozione delle ricerche individuali. In tal senso prevedrà fruizioni di mostre in spazi del territorio, organizzate sia entro gli orari di lezione, che in momenti differenti come inaugurazioni e incontri. La presenza a questi momenti sarà intesa come un necessario e naturale supplemento alle lezioni teoriche, perché avrà modo di verificare in campo le questioni affrontate solo in via astratta e senza il confronto visuale diretto con l’opera. Ma sarà anche da intendersi come momento essenziale per la comprensione e la conoscenza del sistema arte, nonché propizia occasione di incontri importanti per la promozione individuale con le figure del sistema: galleristi, curatori, critici, …

— Attività espositive
Il corso di Nuovi Linguaggi prevede annualmente alcune attività espositive entro spazi del territorio con cui da tempo tesse relazioni e collaborazioni. In tale prospettiva, le mostre organizzate saranno da intendersi come fondamentali e importantissimi momenti di formazione in campo, capaci di far comprendere, con l’esperienza diretta, la complessa macchina dell’arte, che partendo dalla produzione personale passa alla programmazione, alla promozione ed infine all’esposizione e ai suoi apparati.La conoscenza e il confronto con figure del sistema offrirà agli allievi la consapevolezza del lavoro artistico proiettato all’esterno del mero ambito accademico, e permetterà di concepire la ricerca come un insieme di momenti distinti ma collegati, poiché la stessa esposizione non sarà approdo, bensì nuovo punto di partenza per risalire in modo “inverso” il processo: dall’esposizione verso la promozione -creando nuove relazioni professionali- fino a nuove programmazioni e direzioni degli ambiti di ricerca. Ulteriori, anche se più sporadiche opportunità saranno inoltre offerte grazie alla partecipazione ad eventi, concorsi, esposizioni di respiro nazionale. Agli allievi, inoltre, saranno sempre indicati i concorsi, i premi e le residenze, quali strumenti necessari alla promozione individuale.

—Testi di rifermento obbligatori
Hal Foster, Rosalind Krauss, Yve-Alain Bois, (a cura di Elio Grazioli), Arte dal 1900.
Modernismo, antimodernismo, postmodernismo, Zanichelli, 2017
Martina Corgnati, Francesco Poli, Dizionario D’arte Contemporanea, Feltrinelli, 1994
Francesco Poli, Il Sistema dell’arte contemporanea, Laterza Editori, 2007
Andrea Concas, Professione Arte, Mondadori, 2020

—Testi di approfondimento consigliati
Silvia Bordini (a cura di), Arte contemporanea e tecniche. Materiali, procedimenti, sperimentazioni, Carocci, 2007
Alessandro Del Puppo, L’ arte contemporanea. Il secondo Novecento, Einaudi, 2013
Loredana Parmesani, Arte del XX secolo e oltre. Movimenti, teorie, scuole e tendenze, Skira, 2012
Angela Vettese, Si fa con tutto, Laterza Editori, 2011
Angela Vettese, L’arte contemporanea – Tra mercato e nuovi linguaggi, Il Mulino, 2017
Donald Thompson, Lo squalo da 12 milioni di dollari, Oscar Mondadori, 2017
Damien Hirst e Gordon Burn, Manuale per giovani artisti, Postmediabooks, 2004
Francesco Bonami, Lo potevo fare anch’io, Oscar Mondadori, 2009
Hans Ulrich Obrist, dontstopdontstopdontstopdontstop, Postmediabooks, 2010 Hans Ulrich Obrist, Fare una mostra, Utet, 2014
Nicolas Bourriaud, Estetica relazionale, Postmediuabooks, 2010
Marco Meneguzzo, Breve storia della globalizzazione in arte, Johan&Levi, 2012
Claudio Marra, Fotografia e pittura nel Novecento (e oltre), Bruno Mondadori, 2012
Sarah Thornton, 33 artisti in 3 atti, Feltrinelli, 2015
Hans Ulrich Obrist, Breve storia della curatela, Postmediabooks, 2011
Demetrio Paparoni, Il bello, il buono e il cattivo, Ponte alle Grazie Ed., 2014
Charlotte Cotton, La fotografia come arte contemporanea, Piccola Biblioteca Einaudi, 2014
Fausto Tomei, Arte interattiva, Pendragon, 2006

—Altro materiale didattico
Durante il corso saranno fornite agli allievi tutte le dispense, in formato pdf, relative agli argomenti trattati. Ogni dispensa, e i riferimenti web necessari all’approfondimento delle lezioni, saranno a disposizione degli allievi online sia sul sito ufficiale che sulla piattaforma Teams. Per l’approfondimento online si intenderanno i siti ufficiali delle istituzioni, delle strutture e degli enti analizzati, costituenti il sistema arte, con un ulteriore focus analitico sul Contemporaneo.

—Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA
Gli studenti con disabilità o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da professori e da tutor (se assegnati) attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). Gli studenti possono, mediante e-mail istituzionale eventualmente anche attraverso i tutor, chiedere al professore del corso un colloquio in modo da concordare obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni e comunque non oltre la prima settimana di corso. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale [email protected]

—Nota di trasparenza
Il seguente Syllabus è l’unico documento a cui gli studenti possono fare riferimento per la fruizione e il conseguimento della disciplina nell’a.a. in oggetto, non saranno pubblicati ne presi in considerazione altri programmi didattici. Le informazioni inserite nel presente documento, con particolare attenzione alle caratteristiche delle esercitazioni intermedie, degli elaborati finali e dei testi di riferimento obbligatori, non potranno essere modificate dopo l’avvio della disciplina in oggetto. Tutto ciò che non è specificatamente descritto in questo Syllabus e/o effettivamente svolto a lezione non potrà essere chiesto in fase di esame.