Metodologia progettuale della comunicazione visiva M–Z

Syllabus

Professoressa S. M. Viviana Santanello

Metodologia progettuale della comunicazione visiva (ABTEC 37)

Posta elettronica istituzionale (PEO): [email protected]

Orario di ricevimento

Per iscriversi al ricevimento è necessario inviare una mail. La lista sarà chiusa il giorno precedente il ricevimento. Le date sono il 7/ 14 / 21 / 28 luglio /2022 ore 18:00, le date possono subire modifiche: gli studenti iscritti verranno avvertiti per tempo tramite e-mail.
Sede: Microsoft Teams auduq7u.

—Obiettivi formativi

Il corso inquadra le profonde trasformazioni in atto nello sviluppo della comunicazione visiva di un  progetto, partendo dall’analisi dell’idea creativa per poi passare alla creazione dell’immagine coordinata di un brand.

Il corso ha l’obiettivo di formare designer consapevoli del linguaggio visivo contemporaneo con competenze estetiche e buone pratiche progettuali, in grado di saper dialogare con la committenza e con le sue relative esigenze.

Attraverso l’analisi di case studies, durante le lezioni si illustreranno gli strumenti necessari per la creazione di un’efficace comunicazione visiva, con sguardo analitico, al fine di acquisire strumenti per comprendere i meccanismi sottesi alle differenti forme di comunicazione atti a conseguire nozioni metodologiche, per valorizzare i propri prodotti, attraverso la riproduzione e circolazione tramite gli strumenti di comunicazione.

Inoltre, lo studente apprenderà i processi di costruzione, negoziazione e interpretazione dei significati di un brand, indagando le nozioni base relative alla realizzazione di un’immagine in ambito visivo e di marketing, all’interno di un’estetica e di una cultura dell’immagine contemporanea.

Il corso è caratterizzato da un percorso didattico finalizzato alle conoscenze di tecniche e di metodologie necessarie a sviluppare proposte di comunicazione visiva, verificando con appropriatezza i linguaggi da utilizzare, gli strumenti necessari e le diverse tecnologie possibili per raggiungere obiettivi di comunicazione prefissati.


—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali in aula.
II semestre: 4a-10a settimana (lunedì, martedì, mercoledì), ore 14.00-17.30 scansione giornaliera (5 ore).


—Modalità esame

Esame orale sui testi di riferimento obbligatori e i contenuti illustrati a lezione.
La valutazione comprenderà anche la consegna di un portfolio con tutte le attività svolte durante il corso e la realizzazione di un progetto grafico.


—Prerequisiti richiesti

Nessun prerequisito richiesto.


—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Contenuti del corso

  1. Corporate e brand identity, i principi classici.
  2. Esempi rilevanti della comunicazione d’impresa.
  3. Il processo di progettazione.
  4. Conoscenze tecniche e metodologie per sviluppare proposte di comunicazione visiva.
  5. Narrazione visiva e oggetti sulla pagina.
  6. Dal concept alla ricerca,  moodboard di progettazione.
  1. Linee guida progettuali alla realizzazione di un modello finale.
  2. Esercitazioni.

—Testi di riferimento obbligatori

V. Bucchetti, Progetto e culture visive. Elementi per il design della comunicazione, Franco Angeli, 2018 (da pag 9 a pag.50 -da pag 93 a pag 198 – rimane escluso il capitolo Percezioni aptiche e cromatiche per il design)

B. Munari, Design e comunicazione visiva. Contributo a una metodologia didattica, Laterza, 2017.

B. Munari, Fantasia, Laterza, 2017.

B. Munari, Da cosa nasce cosa, Edizioni Laterza, 1981

—Testi di approfondimento consigliati

R. Falcinelli, Figure. Come funzionano le immagini dal Rinascimento a Instagram, Einaudi, 2020.

G. Latino, Graphic design. Guida alla progettazione grafica, LetteraVentidue, 2013. 

M. Agnello, Semiotica dei colori, Carocci, 2013

R. Falcinelli, Cromorama, Einaudi, 2017

M. Spera, Abecedario del grafico. La progettazione tra creatività e scienza, Gangemi Editore, 2005

C.Branzaglia, Fare Progetti, Fausto Lupetti Editore, 2016

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale [email protected]