Metodi e tecniche di pittura sacra contemporanea

Syllabus

—Obiettivi formativi

Il corso si pone come obiettivo l’acquisizione di una certa consapevolezza tecnica e di lettura dell’immagine iconografica in relazione all’arte sacra. Le lezioni frontali verteranno principalmente sugli strumenti dell’arte sacra visiva, di come quest’ultima si relaziona con precetti iconografici imprescindibili all’interno di questo contesto e sulle varie declinazioni che quest’ultima ha avuto nella tradizione artistica occidentale e può avere nelle nuove forme di comunicazione del contemporaneo.
Lo studente sarà in grado, a fine corso, di far dialogare il proprio linguaggio pittorico con tutto l’apparato contestuale al quale sarà chiamato a dedicarsi in futuro.
In tale itinerario si cerca di comprendere quanto l’arte sacra non possa prescindere dalla duttilità e dalla padronanza tecnica dell’artista per una comunicazione e per una veicolazione prolifica verso il trascendente più efficace.

Modalità didattiche. Considerato il vasto raggio d’azione della disciplina, auspico un approccio basato sulla conoscenza pedissequa delle varie tecniche pittoriche tipiche della tradizione dell’arte sacra (e non) occidentale. A tal proposito, durante il corso, saranno eseguite delle dimostrazioni pratiche di pittura ad olio, oleoresina, tempere grasse, tempere magre, affresco e mezzofresco sui relativi supporti adatti.
Il carattere laboratoriale che intendo dare al corso prevede, successivamente, esercitazioni di copie d’autore, di preparazione dei supporti e di interpretazione iconografica che tiene conto del linguaggio personale.

—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali in aula.
Laboratorio con esercitazioni pratiche.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni)

—Contenuti del corso

  1. Chiarimenti semantici: Concetto di Sacro.
  2. Arte e Religione.
  3. Introduzione alla liturgia.
  1. Introduzione alla teologia per l’arte.
  2. Rapporto tra opera d’arte e contesto.
  3. Analisi casi studio di progettazioni e riadattamenti liturgici.

—Testi di riferimento obbligatori

Rodolfo Papa, Discorsi sull’Arte Sacra, Ed. Cantagalli;

G.Piva, Manuale pratico di tecnica pittorica, Ed Hoepli Milano, 1989:

Vincenzo Gatti, Liturgia e Arte. I Luoghi delle Celebrazione,
EDB Bologna, 2005;

F. Poli / F. Bernardelli, Mettere in scena l’arte contemporanea, Johan & Levi editore, 2016;

Aaron Rosen, ART + RELIGION in the XXIst Century, Ed. Thames & Hudson;

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it