Management per l’arte

Management per l’arte
Management per l'arte
Management per l’arte
Management per l'arte
2017-05-24_Ossigeno-Fonassi
Management per l'arte
Freccia destra
Freccia sinistra

Syllabus

—Obiettivi formativi

Il corso ha l’obiettivo di configurare il profilo del manager/curatore applicata al contesto dell’arte e della cultura, indagando i ruoli professionali che agiscono in sinergia nel campo dell’ideazione, sviluppo e sostegno alla progettualità individuale/collettiva/pubblica/privata relativa ad ambienti, spazi e format quali momenti e luoghi di restituzione della produzione artistica/culturale/tematica. Il corso pone particolare attenzione alla struttura che soggiace al sistema dell’arte intesa come possibilità di creazione di format e nuovi assetti di promozione e coinvolgimento. Nello specifico e in relazione con artisti e autori, vengono raccontate e approfondite, tra le altre, le seguenti figure: curatore, critico d’arte, gallerista, collezionista, art advisor, registrar, copywriter, exibition designer, fund raiser, addetto stampa, contributor, publisher, editore.

—Modalità di svolgimento dell’insegnamento

In affiancamento alle lezioni frontali, durante il corso, vengono inoltre indagate esperienze e progetti realizzati che forniscono una traccia di modalità e pratiche in relazione ad estesi campi di intervento: per rinforzare il flusso delle competenze è stato pensato un palinsesto di interventi in video conferenza e transiti in presenza da parte di artisti e professionisti del sistema dell’arte contemporanea e della produzione culturale. 

—Modalità esame

L’esame si svolge tramite valutazione orale su testi assegnati, contenuti delle lezioni ed eventuale elaborato concordato con lo studente/studentessa

—Prerequisiti richiesti

Sono consigliate conoscenze pregereste nel campo della produzione culturale contemporanea, basi di storia dell’arte contemporanea e conoscenza basica della lingua inglese




—Contenuti del corso

  1. Ruoli e relazioni del sistema delle arti contemporanee.
  2. Ideazione, organizzazione e gestione di progetti artistici in ambito pubblico e privato.
  3. Produzione di eventi culturali, progetti espositivi, giornate tematiche.
  4. Pianificazione economica e gestione delle risorse.
  5. Conoscenza di call e bandi pubblici.
  6. Modelli e protocolli di interazione con istituzioni pubbliche e private.
  1. Storia ed evoluzione di modelli e format artistici e culturali.
  2. Ruoli e professioni dell’arte.
  3. Fundraising e politiche di finanziamento.
  4. Start-up in ambito artistico e culturale.
  5. Critica e curatela, evoluzione e pratiche.
  6. Modelli di team building e gestione di uno staff per eventi artistici.

—Testi di riferimento obbligatori

Gabriella De Fino e Ugo Morelli, Management dell’arte e della cultura. Competenze direzionali e relazioni lavorative nelle istituzioni dell’arte e della cultura, Franco Angeli, 2010;

— Testi di riferimento consigliati

Rifkin J., L’era dell’accesso, Mondadori, 2002;

Sennett R., L’uomo flessibile. Le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale, Feltrinelli, 1999; 

Brockman J. (a cura di), Come cambierà tutto. Le idee che trasformeranno il nostro futuro, Il Saggiatore, 2010; 

Brook P., Lo spazio vuoto, Bulzoni, 1998;

Lautoche S., Come sopravvivere allo sviluppo. Dalla decolonizzazione dell’immaginario economico alla costruzione di una società alternativa, Bollati Boringhieri, 2005;

Salmon C., Storytelling.La fabbrica delle storie, Fazi, 2008; 

Mazzoli L., Zanchini G. (a cura di), Utopie. Percorsi per immaginare il futuro, Codice, 2012;

De Masi D., Mappa mundi. Modelli di vita per una società senza orientamento, Rizzoli, 2014;

Sennett R., Insieme. Rituali, piaceri, politiche della collaborazione, Milano, Feltrinelli, 2014;

—Altro materiale didattico

Dispense, recensioni, saggi del docente

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it