Elementi di grafica editoriale

Freccia destra
Freccia sinistra

Syllabus

—Obiettivi formativi

La disciplina propone una panoramica completa sulla storia, la teoria e le tecniche per la progettazione grafica di prodotti editoriali. L’acquisizione di queste consocenze conclude il ciclo di studi di primo livello dei corsi di Design e di Illustrazione, proponendosi dunque come il ponte metodologico essenziale per percepire il ruolo determnante del progetto editoriale sia nel campo delle scienze tecniche che nel mondo della cultura visiva.

—Modalità di svolgimento

Le attività si svolgono in blocchi settimanali che comprendono, sempre, un giorno dedicato alle lezioni teoriche, uno dedicato all’analisi di casi studio e un laboratorio di introduzione tecnica agli strumenti e ai metodi del progetto editoriale. Le settimane sono dunque unità coerenti di studio, ricerca critica e esercizio sui temi trattati, incentivando il valore dell’esperienza. Le esercitazioni progettuali saranno di difficoltà crescente portando a ragionare gli studenti prima individualmente sul progetto della copertina del libro, dalla ricerca iconografica al progetto della serialità, per poi affrontare, in piccoli gruppi, l’intero processo di ideazione, redazione, strutturazione e layout di un prodotto editoriale periodico. 

—Modalità esame

L’esame prevede un colloquio sugli argomenti trattati e approfonditi sulla biblografia obbligatoria e una verifica delle esercitazioni progettuali svolte durante il corso e revisionate successivamente, che saranno valutate secondo paramentri di maturità, originalità, precisione e tecnica.

—Prerequisiti richiesti

La materia si inserisce all’interno del piano di studi di due differenti percorsi di studio (DAPL04 e DAPL06) tesi a formare due profili diversi in termini di competenze e abilità tecniche, ma una stessa attenzione nei confronti del prodotto editoriale come sistema grafico narrativo di sintesi, coralmente prodotto da differenti voci professionali. Non si pretendono dunque prerequisiti specifici per poter sostenere la disciplina, nonostante sia fortemente auspicabile che gli studenti abbiano basi di disegno vettoriale ed elaborazione delle immagini attraverso i software usuali del settore.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Contenuti del corso

  1. Introduzione. Uomo, libro, editoria
  2. Il libro: interfaccia, oggetto, merce
  3. Editori e identità: dalla Penguin al mainstream
  4. Editori e case editrici, il panorama storico italiano
  5. IL LIBRO E LA COPERTINA
  6. La dimensione del tempo, la sequenza
  7. La serialità in editoria: il progetto della collana
  1. Ricerca iconografica e narrazione visiva
  2. Lettura, leggibilità e normativa editoriale
  3. Tipografia, composizione e industrie artistiche
  4. La retorica verbo-visiva
  5. LA RIVISTA
  6. Riviste generaliste e concept magazine
  7. Il progetto della sfoglio, disegnare l’informazione

—Testi di riferimento obbligatori

Franco Achilli, Fare grafica editoriale, Editrice Bibliografica, 2018;

Bandinelli Lussu Iacobelli, Farsi un libro, Stampa Alternativa, 2012;

Riccardo Falcinelli, Figure, Einaudi, Stile libero, 2020;

Oliviero Ponte di Pino, I mestieri del libro, Tea, 2014;

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it