Disegno architettonico di stile e arredo

Giorgia Bruschetta, 2020

Geometrie
Silvia Avellino, Rendering

Giorgia Bruschetta, 2020

Geometrie
Giorgia Bruschetta, rendering

Giorgia Bruschetta, 2020

Geometrie
Giorgia Bruschetta, rendering
Freccia destra
Freccia sinistra

Syllabus

—Obiettivi formativi

Il programma che si intende svolgere, tende a sviluppare negli allievi una capacità conoscitiva e progettuale dell’aspetto formale del linguaggio della casa, che è prima di tutto, il luogo del privato, lo spazio protetto che ci appartiene come un’estensione del nostro corpo.
Nella frenesia della vita moderna, la percepiamo sempre più come un rifugio, e di conseguenza l’aspetto e l’atmosfera dell’ambiente casalingo acquistano un’importanza davvero fondamentale. Trattando tematiche di architettura, design e materiali si consentirà, a conclusione delle revisioni e delle ricerche di studio, l’esame finale. Il metodo che si utilizzerà sarà del tipo teorico-pratico con verifiche per lo più individuali.
Al fine della formazione dell’allievo il corso verrà strutturato con le seguenti modalità: lezioni teoriche frontali con proiezione di slide e dibattiti. L’allievo, sulla scorta delle nozioni acquisite durante l’anno accademico, dovrà elaborare il seguente tema: laboratorio di progetto/Home restyling.
Nel laboratorio gli allievi indagheranno uno spazio unitario, come un’abitazione domestica, all’interno della quale risolvere aspetti di programma legati alle esigenze della committenza

—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali in aula.
I° semestre: 1°a–7°a settimana (lunedì, martedì e mercoledì) ore 8.45-13.15

—Esercitazioni e revisioni
Non sono previste esercitazioni intermedie.
L’accesso alle revisioni è libero, si seguirà l’ordine di arrivo.
Nella pagina del docente è disponibile il calendario di massima delle revisioni preventivamente redatto.
(è fortemente sconsigliato l’utilizzo dei canali social per prenotazioni e/o comunicazioni)

—Modalità esame

L’esame si svolgerà illustrando il progetto di home restyling concordato con il docente. Verranno consegnate tutte le tavole di progetto in scala adeguata, le moodboard e la ricerca accompagnata da documentazione fotografica. Durante l’illustrazione del progetto verrà chiesto al candidato di argomentare basandosi sui tesi consigliati dal docente.

—Prerequisiti richiesti

Nessun prerequisito richiesto

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria, non inferiore all’80% della totalità̀ della didattica frontale come previsto da palinsesto, con esclusione dello studio individuale come da Art.10 del DPR n. 212 del 8 luglio 2005.

—Contenuti del corso

  1. Presentazione del corso/ l’home restyling.
  2. Breve storia del design/ le forme dell’arredo.
  3. Gli stili nell’arredamento.
  4. Muri e finiture.
  5. Porte e finestre/ gli infissi.
  1. Il layout di progetto e la moodboard
  2. Arredo e decorazione/ gli ambienti della casa.
  3. La moodboard nell’interior design.
  4. Il layout del progetto di interior.
  5. Laboratorio di progetto/ portfolio progetto e presentazione.

—Testi di riferimento obbligatori

Bruno Munari, Da cosa nasce cosa, Editore Laterza, 1997

Riccardo Salvi, Manuale di Architettura d’interni 1. L’abitazione, Editore Franco Angeli, 2019

F. Irace, Storie d’interni. L’architettura dello spazio domestico moderno, Carrocci Editore; 2015

—Testi di riferimento da consultazione

Tangaz Tomris, Interior design. Dall’ideazione al progetto, HOEPLI, 2022

F. Romeo,A. Balia, Stili dell’abitare. Case contemporanee, Dalani Editore, 2018.

Di Mario Praz, La Filosofia dell’arredamento. I mutamenti del gusto nella decorazione interna attraverso i secoli., Edizioni Guanda, 2012

Renato De Fusco, Storia dell’arredamento, dal ‘400 al ‘900, Editore Franco Angeli, 201

—Altro materiale didattico

Tutto il materiale fornito durante le lezioni

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale [email protected]