Storia dello spettacolo e del teatro

Syllabus

—Obiettivi formativi

Il programma didattico è finalizzato ad acquisire una conoscenza dettagliata della storia del teatro del Novecento, ed in particolare le esperienze di ricerca e le innovazioni più rilevanti della seconda metà del Novecento, nella scrittura drammaturgica e nella scrittura scenica.

—Modalità di svolgimento

Lezioni teoriche sul programma, con visioni di materiali video sugli autori trattati.

—Modalità esame

Esame orale sugli argomenti del programma.

—Prerequisiti richiesti

Conoscenza della Storia dello spettacolo.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria, non inferiore all’80% della totalità della didattica frontale come previsto da pa- linsesto, con esclusione dello studio individuale come da Art.10 del DPR n. 212 del 8 luglio 2005.

—Contenuti del corso

  1. Beckett.
  2. Ionesco.
  3. Brecht.

  1. Brook: il teatro e il suo spazio.
  2. Living Theatre.
  3. Grotowski: Teatro e Para-teatro.
  4. Odin Teatret e il Terzo teatro.

—Testi di riferimento obbligatori

Franco Perrelli I maestri della ricerca teatrale, Ed. Laterza – Roma 2007.

—Testi di riferimento consigliati

Peter Brook: l teatro e il suo spazio, Ed. Feltrinelli.

J. Grotowski: Per un teatro povero, Ed Bulzoni.

Franco Quadri Invenzione di un teatro diverso, Ed. Ubulibri.

Cruciani Fabrizio, Lo spazio del Teatro, Ed. Laterza.

Bella Merlin, Il sistema Stanislavskij, Ed. Dino Audino.

Mara Fazio, Regie teatrali, Ed. Dino Audino.

Eugenio Barba, Teatro, solitudine, mestiere, rivolta, Ed. Ubulibri.

Gioacchino Palumbo, I pionieri del teatro del novecento, ed. Bonanno.

M. De Marinis l nuovo teatro, 1947 – 1970, Ed. Bompiani.

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it