Storia dell’arte contemporanea 2 M-Z

Syllabus

—Obiettivi formativi

Il corso intende offrire agli studenti strumenti storici, critici e metodologici ai fini di: – individuare i maggiori autori ed interpreti delle principali linee di sviluppo dell’arte contemporanea privilegiando l’evoluzione del paradigma artistico contemporaneo dalle avanguardie storiche ad oggi – analizzare autori, opere e movimenti avverando una continua concatenazione fra singolo artista/opera/movimento e dimensione storica e contestuale – affinare la capacità di contestualizzazione storica e culturale al fine diindividuare nessi ed esiti tra le produzioni precedenti e successive – apprendere e saper utilizzare il linguaggio specifico della disciplina in oggetto nell’analisi stilistico-iconografico-descrittiva delle opere d’arte prese in esame – conoscere le tecniche innovative di composizione degli oggetti artistici in esame – indagare la relazione di continuità che collega l’oggetto artistico contemporaneo ai campi della letteratura, dell’estetica, della scienza e dei nuovi media

—Modalità di svolgimento
Lezioni sulla piattaforma Teams.
II semestre:  4a–9a settimana (giovedì, venerdì) ore 14.30-16.10

—Modalità esame

L’esame si svolgerà oralmente e sarà finalizzato ad accertare le competenze degli studenti (riconoscimento e lettura delle opere, capacità di orientamento e periodizzazione, comprensione di temi ed autori) in relazione ai contenuti affrontati e ai testi essenziali indicati nella bibliografia generale. Ad ogni studente viene inoltre richiesto l’approfondimento di un aspetto delle tematiche presentate che dovrà essere preparato attraverso l’ausilio di uno o più testi di approfondimento o concordando con la docente ulteriori indicazioni bibliografiche.

—Prerequisiti richiesti

Si consiglia di aver frequentato e sostenuto l’esame di Storia dell’Arte Moderna e di Storia dell’Arte Contemporanea1


—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Contenuti del corso

I linguaggi dell’Avanguardia Storica e i linguaggi delle Neoavanguardie Focus del corso sarà costituito dall’analisi dei linguaggi intermediali e delle pratiche di sconfinamento che, introdotte in prima istanza dalle avanguardie storiche novecentesche, tendono a configurarsi come carattere essenziale dei procedimenti estetico-espressivi delle avanguardie di seconda generazione e trait d’union con le attuali produzioni artistiche. Cosa cambia tra questi fenomeni di continuità e riproposizione di un linguaggio apparentemente similare eppure diverso? L’iter didattico vaglierà questa riproposizione e, affrontando l’analisi di autori, opere e movimenti in stretta concatenazione alle dimensioni storiche e contestuali inerenti, favorirà negli studenti una valutazione critica circa gli esiti delle produzioni artistiche nel passaggio dall’avanguardismo storico a quello di nuova generazione.

—Testi di riferimento obbligatori – Manuale consigliato: Dorfles Gillo, Vettese Angela, Princi Eliana, Civiltà d’Arte, vol. 3 – edizione arancione – Edizioni Atlas – Foster Hal, Il ritorno del reale. L’avanguardia alla fine del Novecento, Postmediabooks, 2006 e ristampe (capitoli selezionati) – Vettese Angela, Si fa con tutto. Il linguaggio dell’arte contemporanea, Laterza 2010 (in lettura)

-Bibliografia di approfondimento Krauss Rosalind, L’arte nell’era postmediale. Marcel Broodthaers, ad esempio, Postmediaboooks, 2005 – Bourriaud Nicolas, Come l’arte riprogramma il mondo, Postmediaboooks, 2004 – Claire Fontaine, Lo sciopero umano e l’arte di creare la libertà, Derive e Approdi, Roma, 2017 – Costa Mario, Isidore Isou e il lettrismo. A cosa è servita l’ultima avanguardia artistica del Novecento, Ed. youcanprint, 2019 – Lyotard Jean François, La condizione postmoderna. Rapporto sul sapere, Feltrinelli 2007
– Lussac Olivier, Happening & Fluxus. Polyexpressivité et pratique concréte des arts, ed. L’Harmattan, Paris, 2004 – Pancotto Pier Paolo,Arte contemporanea: dal Minimalismo alle ultime tendenze, Carocci 2010 (e ristampe)
– Poli Francesco, Arte contemporanea. Le ricerche internazionali dalla fine degli anni ’50 a oggi, Mondadori Electa, Milano 2003 – Poli Francesco, Bernardelli Francesco, Mettere in scena l’arte contemporanea. Dallo spazio dell’opera allo spazio intorno all’opera, Johan&Levi, 2016 – Poli Francesco, La scultura del Novecento. Forme plastiche, costruzioni, oggetti, installazioni ambientali, Editori Laterza, 2006
– Stevanin Federica, Fotografia, film e video nella Land Art, Cleup 2017 -Zambianchi Claudio, Arte contemporanea: Dall’Espressionismo astratto alla Pop art, Carocci, 2011

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it