Scenografia per il cinema

Syllabus

—Obiettivi formativi

La scenografia immagina e inventa le condizioni dello spazio di un film, è creazione di mondi, sostanza plastica e architettonica. Lo scenografo non deve necessariamente costruire ma deve piuttosto immaginare. Il percorso formativo è mirato a dotare gli studenti di tutte le competenze teoriche, tecniche e applicative in grado di favorire lo sviluppo della loro immaginazione e creatività, ideando lo spazio scenico e l’ambientazione in cui si svolgerà il racconto filmico. Il corso ha un carattere prevalentemente laboratoriale. Nell’elaborazione dei bozzetti e dei progetti gli allievi sono chiamati a interpretare le esigenze narrative che emergono dalle sceneggiature e a dare forma alle istanze creative che il regista richiede. 

—Modalità di svolgimento

Didattica mista in presenza e a distanza (DAD)
Lezioni in Microsoft Teams – gk1jlf5
II semestre: 
scansione giornaliera (5 ore)

—Modalità esame

L’esame consiste nella discussione degli elaborati di progetto sviluppati durante le esercitazioni di laboratorio sui temi delle lezioni e dei seminari svolti durante l’anno. Per essere ammessi alla prova finale d’esame occorre aver frequentato il corso ed effettuato le consegne degli elaborati alle scadenze fissate dalla docenza nelle revisioni previste.
Per superare l’esame si richiedono i seguenti elaborati nel portfolio template: bozzetti in formato 16:9, progetti esecutivi, plastico, foto del plastico. 

—Prerequisiti richiesti

Conoscenza della metodologia delle tecniche di rappresentazione del progetto; conoscenza dei linguaggi del Cinema, capacità di lettura e comprensione del testo e delle fenomenologie della contemporaneità.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria, non inferiore all’80% della totalità della didattica frontale come previsto da palinsesto, con esclusione dello studio individuale come da Art.10 del DPR n. 212 del 8 luglio 2005.

Contenuti e programmazione del corso

Il corso si articolerà in lezioni teoriche, seminari e attività di laboratorio.
Le lezioni teoriche affronteranno principalmente la scenografia cinematografica nella sua evoluzione storica Le attività di laboratorio esamineranno le tecniche di rappresentazione dello spazio scenico attraverso l’elaborazione di bozzetti, tavole progettuali e plastici di scena. Accanto alle lezioni frontali, si prevede l’ausilio di mezzi tecnici ed informatici (proiezioni, filmati, Cd Rom) che consentano di accompagnare con immagini lo svolgersi della didattica.

—Testi di approfondimento consigliatii


S. Martin, Scenografia e Scenografi, il Castoro, 2013.

A. Licata M.Travi, La Città e il Cinema, Universale d’Architettura, 1985. 

G. Basili, Spazio e Architettura nel Cinema Italiano, Alexa Edizioni, 2000.

R. Lori, Scenografia e Scenotecnica per il Cinema, Gremese Editore, 2016. 

S. Micheli, Lo sguardo oltre la norma. Cinema e arte figurativa, Bulzoni, 2000. 

R.Ferucci,P. Turini ( a cura di)Paolo e Vittorio Taviani La poesia del Paesaggio Gremese Editore 1995.

P.,V. Taviani Tu Ridi -sceneggiatura originale e integrale dell’omonimo film – Cinema Sceneggiature materiali di studio, Circolo del cinema Mantova in colloborazione casa del Mantegna1999.

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale [email protected]