Plastica ornamentale 1 [Mod.D]

Syllabus

—Obiettivi formativi

Plastica Ornamentale oltre a completare un percorso di formazione decorativo a tutto campo è atta ad acquisire e sviluppare manufatti plastico-scultorei.
Svilupperà elaborati tridimensionali a rilievo e tuttotondo con metodologie e tecniche aggiuntive e sottrattive secondo utilizzo dei materiali, dai più duttili ai più coriacei, dai più nobili ai più poveri, dai più classici ai più di moderna concezione dovranno corrispondere alle reali capacità manuali e sensibilità degli allievi, dando loro un modo di comunicare “universale” in un lessico prevalentemente espresso da forme e volumi.
Dal pensiero originario, “idea”, al progetto grafico all’esecuzione finale, si relazionerà il soggetto contestualizzandolo ambientalmente oltreché storicamente ed artisticamente.
Saranno previste probabili attività integrative quali partecipazioni ad esposizioni, visite a mostre, musei e  gite d’istruzione.

—Modalità esame

Le valutazioni terranno conto della presentazione di un appropriato iter progettuale, studio e sviluppo creativo, formale e strutturale del tema preposto, elaborazioni grafiche e successive trasposizioni plastiche corredate da relazioni tecnico artistiche esplicative ed adeguata frequenza oraria per un equivalente regolare rilascio dei crediti.

—Prerequisiti richiesti

Conoscenza e rispetto di un iter progettuale.
Conoscenze delle tecniche plastico-scultoree ed espressioni decorative di base.
Conoscenza scolastica della Storia dell’Arte, dei periodi storici e delle principali correnti artistiche.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Testi di riferimento

C. N. Shulz, Genius loci, Electa ed;

R. Wittkower, La scultura dall’antichità al 900, Einaudi ed;

M. De Micheli, Storia dell’arte in Italia, (vol. relativi alla scultura dell’’800 e del ‘900, Utet ed;

F. Poli – M. Corgnati, Dizionario dell’arte contemporanea, Mondadori ed;

P. Clerin, Manuale di scultura, Sovera ed;

B. Mello, Trattato di scenotecnica, Gorlich ed;

R. Falcinelli, Figure – Come funzionano le immagini dal Rinascimento a Instagram, Einaudi ed;

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it