Fotografia e archiviazione digitale

Syllabus

—Obiettivi formativi

Acquisizione di conoscenze teoriche e pratiche sulle metodologie di archiviazione della fotografia; Metodi e approcci degli artisti agli archivi fotografici. Reinventare gli archivi nel presente e dare valore alle raccolte fotografiche presenti sul territorio.
Conoscenze e competenze per la creazione o gestione di un progetto di archiviazione collettivo che sarà esposto a conclusione del corso.

Nell’anno accademico 2020/2021 il progetto collettivo scelto dal corso riguarda la fotografia vernacolare e la creazione del sito dal titolo “l’altro capo del filo”.

—Modalità di svolgimento

Lezioni frontali in aula.
I semestre:  1a–8a settimana (giovedì, venerdì e sabato) ore 08.15-13.15

—Modalità esame

Presentazione della scheda del fondo fotografico e del progetto collettivo o individuale di archivio

—Prerequisiti richiesti

Conoscenze di base della tecnica fotografica.

—Frequenza delle lezioni

La frequenza è obbligatoria non inferiore all’80 per cento della totalità delle attività formative, con esclusione dello studio individuale. Per un massimo di 25 ore (5 lezioni).

—Contenuti del corso

  1. Introduzione al corso: cosa intendiamo per fondo fotografico e archivio
  2. Inventario e scheda del fondo
  3. Archivi fotografici e arte
  4. Interrogare l’archivio. Approcci e metodi
  5. Proposte e dibattito per il progetto collettivo di archiviazione
  6. Mappatura fotografica e struttura formale
  1. Incontro online con la fotografa Claudia Corrent
  2. Procedimenti fotografici e conservazione
  3. Il piano strategico per lo sviluppo della fotografia. Stati generali Problematicità. Dibattito e proposte
  4. Proposte e dibattito per il progetto collettivo
  5. Incontro online con il teorico della fotografia Sergio Giusti

—Testi di riferimento obbligatori

Autore, Titolo, Casa editrice, anno.

— Strumenti per studenti con disabilità e/o DSA

Gli studenti con disabilità e/o DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) sono supportati da docenti e tutor attraverso la consulenza con il CInAP (Centro per l’integrazione Attiva e Partecipata). 
Gli studenti interessati possono chiedere al docente di riferimento, anche attraverso il proprio tutor dove assegnato, un colloquio personale, mediante mail istituzionale, in modo da programmare insieme obiettivi didattici ed eventuali strumenti compensativi e/o dispensativi, in base alle specifiche esigenze. 
Tale colloquio sarebbe opportuno che avvenisse prima dell’avvio delle lezioni o comunque non oltre la prima settimana di corso, al fine di attivare eventuali misure a garanzia di pari opportunità sia per le lezioni che per gli esami. Per rivolgersi direttamente al CInAP è possibile utilizzare la mail istituzionale cinap@abacatania.it